Mistero a Villa del Lieto Tramonto

Titolo: Mistero a Villa del Lieto Tramonto
Autore: Minna Lindgren
Editore: Sonzogno
Anno: 2015
Pagine: 284
Prezzo: 16,50

Trama:
A Villa del Lieto Tramonto, ridente casa di riposo immersa nella foresta vicino a Helsinki, è l'ora del caffè e, come al solito, Irma e Siiri, due vivaci novantenni ospiti della residenza, amano trascorrere quel momento in perfetto relax. Dopo le partite a canasta, le lezioni di ginnastica dolce, il whiskino prescritto dal medico o le riunioni del gruppo per la memoria, un'oretta di svago ci vuole per scambiarsi ricordi di giovinezza o spettegolare sul funerale del giorno, che è pur sempre una festa e un avvenimento per curare il proprio look. Ma soprattutto, l'ora del caffè dà l'occasione per criticare il regolamento e l'incuria del personale specializzato, quello che figli e nipoti, per guarire i sensi di colpa, chiamano "servizi di eccellenza". Per fortuna dalla Villa si può anche uscire, andare in giro in tram per rifarsi l'occhio con le bellezze della capitale finlandese, e così a Siiri, Irma e alla loro terza compagna, Anna-Liisa, capita di osservare, con bonario sarcasmo, le stranezze del mondo moderno che le circonda. A turbare la routine delle tre amiche è però un fatto terribile: la morte, in circostanze misteriose, del giovane cuoco, sempre gentile e pieno di allegria, accompagnata da una serie di episodi inquietanti che rivelano il lato sinistro di quel rifugio, ora non più così accogliente. Provette Miss Marple, Siiri, Irma e Anna-Liisa si trasformano in intraprendenti investigatrici.

Recensione:
Ho iniziato questo libro, aspettandomi una storia alla Agatha Christie, con delle protagonisti simili alla più famosa Miss Marple, sia come fascia d’età, che come tipo personaggi, arzille e irriverenti, e invece, purtroppo, ho trovato il libro ben lontano dalle storie dettagliate e perfettamente architettate della famosa maestra dell’horror.
Le tre arzille vecchiette protagoniste della serie, sono sì, nonnine simpatiche, indipendenti e all’avanguardia, e le premesse che sono alla base della storia, sono anche buone, ma la parte “gialla” del libro, lascia alquanto a desiderare.
Non c’è suspance, sorpresa o semplicemente curiosità per questo presunto omicidio che è al centro della storia, o almeno, per me è stato così.
La storia si svolge quasi interamente in questa Villa del Lieto Tramonto appunto, una casa di riposo in cui, tra festicciole, e partite a carte, le protagoniste del libro si improvvisano detective, rivelandoci i veri volti di chi le circonda, di chi sta dietro alla casa di riposo, dei parenti che, crudelmente abbandonano i loro cari a sè stessi, troppo occupati tra vacanze e divertimenti, ma anche delle condizioni in cui questi vecchietti vivono.

L’autrice,  ha pensato ad una storia intrigante ed originale, ma non è riuscita a tenere alto il mio interesse in tutta la storia, ho trovato alcune parti di essa,infatti,  troppo piatte, lente e anche un po’ noiose. Mi aspettavo più pepe, più azione, e una storia architettata un po' meglio, invece ho trovato la vicenda un po' "abbandonata", poco curata.

Insomma, delle premesse molto buone che non sono state sfruttate al massimo, così come la stessa ambientazione, che poteva essere una parte fondamentale e interessantissima della storia, essendo ambientata nella fredda Helsinki, ma anche questa viene sfruttata pochissimo, con mio sommo dispiacere.
Sono alquanto indecisa sul continuare o meno questa serie, da una parte sono curiosa di scoprire se la storia possa migliorare, ma da alcune recensioni lette, ho intuito che il primo, rimane il libro più interessante, quindi non so se valga la pena continuare.

In compenso, mi è venuta voglia di tornare alle “origini”, leggendo qualcosa della Christie!

Valutazione:
♥♥/ e mezzo

Voi l'avete già letto?
Che ne pensate?

2 commenti:

  1. Se non erro lo avevi vinto ad un giveaway che avevo organizzato xD
    io non sono riuscita a terminarlo proprio per i motivi che hai citato :c

    RispondiElimina
  2. La cara Miss Marple rimane sempre la migliore secondo me! Ho letto i primi due libri della serie, non mi sono dispiaciuti ma non sono indimenticabili :-) Purtoppo il terzo non sono riuscita a leggerlo, dopo alcune pagine l'ho abbandonato...un po' troppo confusionario :D

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)