Recensioni

Il richiamo del cuculo

31.1.14



Titolo: Il richiamo del cuculo
Autore: Robert Galbraith
Editore: Salani
Anno: 2013
Pagine: 464
Prezzo: 16,90


Trama:
Londra. È notte fonda quando Lula Landry, leggendaria e capricciosa top model, precipita dal balcone del suo lussuoso attico a Mayfair sul marciapiede innevato. La polizia archivia il caso come suicidio, ma il fratello della modella non può crederci. Decide di affidarsi a un investigatore privato e un caso del destino lo conduce all’ufficio di Cormoran Strike. 
Veterano della guerra in Afghanistan, dove ha perso una gamba, Strike riesce a malapena a guadagnarsi da vivere come detective. Per lui, scaricato dalla fidanzata e senza più un tetto, questo nuovo caso significa sopravvivenza, qualche debito in meno, la mente occupata. Ci si butta a capofitto, ma indizio dopo indizio, la verità si svela a caro prezzo in tutta la sua terribile portata e lo trascina sempre più a fondo nel mondo scintillante e spietato della vittima, sempre più vicino al pericolo che l’ha schiacciata…

Recensione:
Quando ho scoperto chi si celava dietro il nome di Robert Galbraith, non stavo più nella pelle. J.K.Rowling, aveva scommesso sul suo talento, vincendo la pubblicazione anche sotto pseudonimo, quella donna è un genio, davvero.
Come per “Il seggio vacante”, però, anche qui, quando ho letto la trama di “Il richiamo del cuculo”, non ero propriamente affascinata dalla storia, se devo essere sincera. Essendo cresciuta con la Rowling, e amando la saga di Harry Potter alla follia, mi ritrovo ad essere un po' troppo critica nei suoi confronti. Mi aspetto grandi cose da lei (si, sembra la frase pronunciata da Olivander), e non lo so, un giallo non mi sembrava esattamente nelle sue corde, non perchè non la credevo capace di scriverne uno, (lei potrebbe rendere entusiasmante anche un libro di cucina), ma perchè mi aspettavo qualcosa di più fantasioso o originale.Nonostante fossi prevenuta nei confronti di questa storia, e nonostante non ami particolarmente i gialli (fatta eccezione per quelli di Agatha Christie), il libro mi è piaciuto.Lo stile è inconfondibilmente suo. Ricco di dettagli, di particolari sui personaggi, sulle descrizioni ambientali, sulle situazioni create, particolari che gli altri autori danno per scontati e che mettono in evidenza il gradissimo talento della Rowling. I suoi personaggi prendono vita sulla carta, ognuno con il proprio carattere, la propria voce, le movenze e i modi di fare di una persona in carne e ossa, ognuno diverso dall'altro. Uno dei maggior pregi di questa scrittrice nel suo modo di raccontare, è proprio la capacità di dare vita a tutti i personaggi, anche quelli del gradino più basso nella scala di importanza, hanno una loro personalità.
Il nostro protagonista, è altamente atipico sia caratterialmente, che dal punto di vista fisico. Cormoran è grande, grosso, poco atletico e all'apparenza vecchio. Non si cura molto delle apparenze, non è socievole, ma è bravissimo nel suo lavoro, nonostante non faccia affari d'oro da un pò. Lei invece, Robin, dalle prime pagine sembra una donna superficiale (“Il mio anello, il mio adorato anello di diamanti”!), si dimostra poi essere tosta, sveglia, con voglia di fare e scoprire, e con un innato spirito di iniziativa che non guasta mai.
Il caso su cui i due lavorano, è quello di Lula Landry, una modella famosissima in tutto il mondo, ricca, bella, corteggiata e conosciutissima, che viene trovata morta davanti il suo appartamento. Tutto a primo avviso, fa pensare ad un suicidio, ma c'è chi non ne è convinto, e affida il caso a Cormoran.
E' stato interessante tuffarsi nella vita di Lula Landry, perchè mi ha dato modo di capire una piccolissima percentuale di come deve essere la vita di una persona famosa. La fama è anche frustrazione, occhi puntati addosso in ogni momento, essere privati di una libertà a cui, personalmente, non vorrei rinunciare per nulla al mondo. Paparazzi alla continua ricerca di scoop, pedinamenti, vita privata sbattuta su qualsiasi giornale...no, la vita di Lula Landry non è piacevole come ci si potrebbe aspettare!
Pochi indizi svelati pian piano, non danno modo di far scoprire al lettore granchè fino alla fine, ma suggeriscono che il nostro investigatore, invece, sia a conoscenza di cose a noi sconosciute, e che sia arrivato al verdetto finale.
E' una strana coppia la loro, ma funziona!
Ho sentito qualche voce su una possibile serie con questi due personaggi, da una parte sarei curiosa di leggere di un'altra loro indagine, dall'altra però, trovo che il talento della Rowling si apprezzi maggiormente nei libri autoconclusivi, non ce la vedo in un'altra serie se non si parla di Harry Potter. E' inutile, per me rimarrà sempre, sempre, sempre, la madre di Harry, il genio che ha creato un mondo capace di ospitarmi da piccola, un monda che è stato la mia casa per tanto tempo, e che so, sarà sempre pronto ad accogliermi in qualsiasi momento.

Valutazione:
♥♥♥/ e mezzo

Tag

Tag: God of Olympus

29.1.14

Ah, oggi vi propongo un tag davvero carino, che ho trovato sul blog The Bookshelf.
Ovviamente, siete tutti taggati, se vi va, lasciate le vostre risposte, o i link se lo postate sul vostro blog, sono curiosissima di leggere chi scegliereste voi.

Cominciamo:

ZEUS: NOMINA IL TUO LEADER LETTERARIO PREFERITO, BUONO O CATTIVO CHE SIA.
Devo ammettere che di primo achito, mi verrebbe da pensare ad Aragorn, che ha le doti per guidare un esercito (famosissimo il suo discorso d'incitamento alle truppe), ma il mio cuore, vola subito in una direzione ben precisa: Harry Potter.
Per me Harry ha la stoffa, le qualità e il coraggio per essere il leader, e nonostante inizialmente non lo voglia (mi viene in mente la sua reazione quando Hermione gli propone di creare l'Esercito di Silente), alla fine lo fa. E vince, anche grazie al suo buon cuore.


ERA: QUALI SONO I TUOI GENITORI LETTERARI PREFERITI?

Eh beh, assolutamente Molly e Arthur Weasley. A parte il fatto che non c'è moltissima scelta di genitori che diano esempi positivi, nelle serie che seguo di più, ma i signori Weasley sarebbero in ogni caso la mia prima scelta. Simpatici, severi quando servono, ottimi maghi, e persone fidate con cui potersi confidare.
Adorabili!

DEMETRA: QUALE CIBO LETTERARIO TI PIACEREBBE PROVARE?

E' inevitabile, in questo tag parlerò praticamente sempre di Harry Potter!
Burrobirra, è la prima cosa che mi salta in mente. 
Ho sempre avuto una voglia matta di assaggiare questa mitica bevanda che il trio beve ogni volta che si ferma a Hogsmeade. E poi, beh, assaggerei molto volentieri ogni cosa presente a Mielandia!

POSEIDONE: NOMINA UN LIBRO IN CUI L'ACQUA HA UN RUOLO FONDAMENTALE, NELLA TRAMA O NELLE AMBIENTAZIONI.

L'acqua è un elemento molto importante ne  La ragazza di fuoco, dove fa parte dell'arena, però in Percy Jackson e il mare dei mostri, è ancora più fondamentale, perciò opto per Percy.


DIONISO: CON QUALE PERSONAGGIO VORRESTI FARE UNA FESTA?

I gemelli Weasley sarebbero senza dubbio i re della festa, anzi, senza loro, non esiste festa. Non sarebbe male invitare anche Peeta (*_*) che potrebbe occuparsi delle torte (gnam!).
Ah beh, anche Jace di Shadowhunter ci starebbe benissimo come ospite!

APOLLO: NOMINA UN GRANDE LIBRO D'ESORDIO (OPPURE, IL PRIMO LIBRO DI UNA SAGA CHE HAI DAVVERO AMATO)

Non so se sia il libro d'esordio dell'autrice (non credo), ma Shiver, il primo libro della trilogia dedicata ai lupi di Mercy falls, mi ha fatto impazzire. L'ho amato come solo pochi altri libri, l'ho adorato dalla prima all'ultima pagina, e anche gli altri due volumi della serie sono stati straordinari.
Amore a prima vista.

ARTEMIDE: CHI È LA TUA EROINA PREFERITA?

Ah, qui non ho dubbi, Katniss Everdeen.
Ci sono molte altre protagoniste femminili che adoro, come Cassia (Matched), Lena (Delirium), Gemma (Una grande e terribile bellezza), Gwendolyn (Red), Tris (Divergent), Jacinda (Firelight)...ok, mi fermo qui altrimenti vado avanti per altre 10 righe, ma Katniss è la migliore in assoluto. 

HERMES: SE POTESSI VIAGGIARE IN QUALSIASI AMBIENTAZIONE LETTERARIA, REALE O NO, DOVE ANDRESTI?

Hogwarts, Hogwarts, Hogwarts.
L'avete capito che voglio andare a Hogwarts? Subito!!!! 
Vorrei avventurarmi in ogni angolo del mondo magico di Harry, scoprire e vedere tutto, sarei pure disposta a passare il Natale, Pasqua, e anche le vacanze estive a scuola, fate un po' voi!
Altrimenti, seconda scelta, anche vedere Narnia non sarebbe male.



ATENA: NOMINA UN PERSONAGGIO INTELLIGENTE

Hermione Granger. 
La strega più brillante della sua età, anzi, di tutte le età. Più intelligente di lei non ce n'è.

EFESTO: SE POTESSI AVERE UN QUALSIASI OGGETTO LETTERARIO (ARMA O GADGET CHE SIA), COSA VORRESTI?

Bacchetta magica? Penso sia ciò che vorremmo avere tutti, in fondo. Altrimenti, anche il mantello dell'invisibilità o il giratempo sarebbero delle opzioni interessantissime.
Ah, la collana con la ghiandaia imitatrice ce l'ho davvero, quindi anche io faccio parte del Team! *_*

ARES: QUAL È LA TUA BATTAGLIA LETTERARIA PREFERITA?

E' inutile, anche qui devo dire Harry Potter.
Anche quella de Il Signore degli anelli, è emozionantissima, però la battaglia finale a Hogwarts è qualcosa di epico, unico, e soprattutto commovente. Ogni singola volta che guardo la seconda parte de I Doni della Morte, mi ritrovo con le lacrime agli occhi. 
Mi fa diventare una sensibilona ç_ç

AFRODITE: QUAL È LA TUA ULTIMATE SHIP?

Oddio no, siamo già arrivati qui ç_ç Questa è la domanda più difficile di tutte!
Shippo praticamente una coppia in ogni libro quindi sceglierne una soltanto è impossibile, mi rifiuto! Ron&Hermione, Sam&Grace (di Shiver), Gemma&Krtik (di Una grande e terribile bellezza), Cassia&Ky... 
Vabbè se proprio devo sceglierne una sola...
Katniss&Peeta. 
Ormai l'ho detto!

ADE: SE POTESSI RICHIEDERE AD ADE DI RIPORTARE IN VITA UN PERSONAGGIO LETTERARIO, QUALE SCEGLIERESTI?

Mmh si preannuncia una lista lunga! Sirius è quello che più vorrei far tornare in vita, ci sono rimasta malissimo quando è morto, dopo così poco tempo che Harry si era avvicinato a lui ç_ç e poi Dobby, il povero dolcissimo e buffissimo Dobby, e Fred, Remus e Tonks ç_ç
Per passare ad Hunger Games, (SE NON AVETE LETTO IL CANTO DELLA RIVOLTA, NON ANDATE AVANTI) Prim e Finnick non meritavano quella brutta fine!


ULTIMA DOMANDA: SE POTESSI ESSERE IL DIO\LA DEA DI QUALSIASI COSA, CHI VORRESTI ESSERE E COSA PENSI SAREBBE ADATTO ALLA TUA PERSONALITÀ? 
(LE DUE COSE NON DEVONO PER FORZA COINCIDERE)
Sarei sicuramente la Dea dei concerti persi. Amo alla follia la musica, e la lista dei gruppi musicali che vorrei vedere, si allunga sempre di più, ma quelli a cui effettivamente riesco ad andare, sono una misera percentuale della mia lista :'(
E poi sarei la Dea delle cotte veloci (?), perchè in ogni film o telefilm, finisco per amare e idolatrare, qualche personaggio che si unisce alle mie tante ossessioni letterarie/telefilmiche

Fan Direction

Fan Direction #26 - Daniel Radcliffe

28.1.14

In ogni puntata di questa rubrica a cadenza settimanale (martedì) vi presenterò un attore/attrice, cantante che mi piace, tessendone le lodi... ovvero con la biografia/ filmografia/discografia/qualche news ma soprattutto tante foto, giusto per rifarci un po' gli occhi.
Da dipendente assoluta dei telefilm (ma anche film), sono tanti gli attori per cui ogni tanto mi fisso, così voglio far innamorare un po' anche voi di loro!
Rubrica liberamente inspirata a "Giovedì gnocchi" del blog Il diario (poco) segreto di una fangirl, ne ho cambiato il titolo (spassosissimo) semplicemente perchè presenterò anche esemplari figherrimi di sesso femminile!
Ahhhhhh, oggi vi parlo di
DANIEL RADCLIFFE!


Daniel Jacob Radcliffe, nasce a Londra (che fortunaaa!), il 23 luglio del 1989.
Daniel è figlio di un agente letterario (con un passato da attore) e di un agente di casting.


I genitori di Daniel, inizialmente contrari a far intraprendere al figlio la carriera di attore, cambiarono idea poi, quando, durante la sua infanzia, Daniel fu afflitto da problemi di socializzazione ed espressione verbale. Così, a 10 anni, interpretò Daniel Copperfield nell'omonimo film, ispirato al libro di Dickens e in seguito, nel 2001, prese parte al film "Il sarto di Panama".


Nel 2000 prese parte ai provini per il ruolo di Harry Potter, per cui venne scelto, e per cui divenne una celebrità in tutto il mondo, fin dal primo Harry Potter e la pietra filosofale.


A 16 anni, Daniel è il più giovane non-reale che sia mai stato in un ritratto nella celebre pinacoteca National Portrait Gallery di Londra. 
Nel 2006, partecipa a "Extras", in una parodia di se stesso, vengono poi "I ragazzi di dicembre" e il film per la televisione "My boy Jack".


Nel 2007, stesso anno in cui gira Harry Potter e l'Ordine della fenice, Daniel recita a teatro in  Equus, dramma psicologico che crea parecchio scalpore, per le sue scene di nudo integrale.
Nel 2010, insieme ad Emma Watson e Rupert Grint, partecipa alla campagna dell'Associazione Librari Americani, denominata READ.


Dal 2010 al 2012, recita nuovamente a teatro, nel musical How to Succeed in Business Without Really Trying in cui, il 3 febbraio 2012, viene sostituito dall'attore Darren Criss.


Conclusa l'avventura di Harry Potter, recita nell'horror The Woman in Black, uscito in Italia nel febbraio del 2012. Recita poi in Kill Your Darlings, presentato lo scorso anno al Festival del Cinema di Venezia (quanto avrei voluto andarci ç_ç).


Oltre alla serie tv "Appunti di un giovane medico", tutt'ora in corso, i prossimi ruoli di Daniel comprenderanno Igor in Frankenstein, e un reporter americano nel film Tokyo Vice.
L'attore, è schierato contro l'omofobia, e per il suo impegno sociale in questa causa, gli è stato conferito, nel 2011, il premio "Hero".


Daniel è un Grande appassionato di poesia, ne ha pubblicate diverse con lo pseudonimo di Jacob Gershon - una combinazione del suo secondo nome e la versione ebraica del nome da nubile di sua madre, Gresham. Ama suonare anche il basso, è un fan dei Beatles e degli Arctic Monkeys.


1, ha prestato il volto all'eroe della mia infanzia, è stato il mio eroe per tutta l'infanzia e lo sarà sempre. 2, trovo che sia un ragazzo dolcissimo, e avendolo visto crescere (ed essendo cresciuta assieme a lui), mi sembra quasi di conoscerlo. 3, ha degli occhi stupendi, e un sorriso tenerissimo. 4, diventa sempre più figo. 5, Harry Potter è l'uomo della mia vita. 6, Daniel Radcliffe è uno dei tanti che sposerò.
(Basta crederci!)
lui approva!
e lui pure!

"Il mio rapporto con Harry è ambivalente. E' stato e resta un personaggio. Ho passato anni con lui, ma ho fatto anche altro: ho provato agli altri che Daniel non era Harry, e a me che sapevo affrontare esperienze diverse.Portare Equus a Broadway è stata una sfida importante. E l'ho vinta. Senza questi "diversivi" non avrei girato otto film di Harry Potter. Ma senza Harry no mi avrebbero fatto fare Equus."


Eh beh, che ne pensate? *w*

Dal grande schermo

Speciale "Storia di una ladra di libri"

27.1.14

Qualche mese fa, girovagando su internet, ho trovato il trailer di un film che aveva subito catturato la mia attenzione, "Storia di una ladra di libri".

Prima ancora di vedere il trailer, fin dal titolo, sapevo che era qualcosa che mi sarebbe piaciuto e che mi avrebbe interessato. Quando si parla di libri, tutti noi siamo chiamati in causa!
Dopo aver visto quel piccolo spezzone di film, la mia curiosità era ancora più forte, così, in vista dell'uscita al cinema, ho deciso di dedicare un post speciale a questa storia.

     Libro     
Titolo: Storia di una ladra di libri
Titolo originale: The book thief
Autore: Markus Zusak
Casa editrice: Frassinelli
Pagine: 576
Prezzo: 16,90€

Trama:
Nella Germania nazista, quando tutto è in rovina, una bambina
di nove anni intraprende la sua carriera di ladra. Al principio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero prezioso oggetto dei suoi furti diventano i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel è in fuga dalle macerie della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratello più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l’aspetta la famiglia che li ha adottati. Il bambino non resiste al gelo dell’inverno e muore, ed è proprio vicino alla sua tomba che Liesel trova il primo libro. Il secondo lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Con il trascorrere dei giorni il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone degli avvenimenti spaventosi ai quali la bambina sopravvive, protetta dai suoi immortali custodi.

Questo libro, è una ristampa con la copertina dedicata al film, la prima versione era chiamata "La bambina che salvava i libri", titolo che trovo altrettanto bello, ed è datata 2007


       Film     
Titolo: Storia di una ladra di libri
Titolo originale: The book thief
Regia: Brian Percival
Genere: drammatico
Paese: Usa
Anno: 2014
Data di uscita: 10 aprile ???
Cast: Geoffrey Rush, Emily Watson, Sophie Nélisse, Nico Liersch, Joachim Paul Assbock, Ben Schnetzer, Kirsten Block, Sadra Nedeleff

Tra gli attori, riconoscerete probabilmente Geoffrey Rush, molto conosciuto (era il Capitan Barbossa nei Pirati dei Caraibi).
Per quanto l'uscita italiana nelle sale cinematografiche, ho le idee leggermente confuse! Sulla rivista Best Movie, l'uscita era prevista per il 30 gennaio, su internet ho trovato su alcuni siti che lo indicavano in uscita per il 10 aprile, e penso sia la data più probabile, dato che non ho ancora visto trailer trasmessi in tv (ma potrei benissimo essermeli persi io!).

Non vi riporto la trama, che ovviamente è la stessa del libro, ma vi lascio il trailer:



Non vedo l'ora di vederlo, anche se ho il presentimento che sia uno di quei film per cui è meglio tenersi a portata di mano una scorta di fazzoletti ç_ç

News dal baule

Vincitore giveaway!

26.1.14

Non ho dimenticato che il compleanno del blog era ieri, non l'ho dimenticato assolutamente, ma purtroppo ieri non ho avuto tempo per preparare il post...spero possiate perdonarmi!

Detto questo, Il baule d'inchiostro ha finalmente compiuto un anno!!! Sono felicissima di questo traguardo, perchè anche se un anno è relativamente poco, non è la prima volta che mi imbarco in imprese del genere (nel tempo ho aperto varie pagine Facebook o ai tempi passati, pagine Myspace), ma a lungo andare, finivano per lo più abbandonate, per il poco tempo.

Sono quindi molto orgogliosa di essere riuscita a tenere attivo questo blog per tutto l'anno e di avere ancora tantissima voglia di continuare questo progetto. Anzi, sono più convinta di prima, visto che sto conoscendo tante persone con le mie stesse passioni, con cui poter fagirlare!!!

Dopo questa confessione, annuncio finalmente il vincitore del giveaway:
*rullo di tamburi*

Sery-amente

Complimenti!
Controlla le mail, presto ti contatterò :)

Voglio ringraziare tutti quelli che hanno partecipato al giveaway, e soprattutto tutti voi che mi seguite e rendete attivo il mio Baule. 
Grazie, grazie, grazie!
Buona domenica :)

Recensioni telefilm

Teen Wolf (3a)

25.1.14


La seconda parte della terza stagione di Teen Wolf, è ricominciata in America qualche settimana fa. Io al momento non ho ancora visto nuovi episodi, dato che stavo riguardando la prima parte, chiamiamola 3a, su Sky, perchè avevo voglia di rivedere gli episodi, e non li avevo ancora recensiti.


Titolo: Teen Wolf
Regia: Jeff Davis
Paese: Stati Uniti d'America
Anno: 2011-in produzione
Stagioni: 3 (in corso)
Genere: Teen drama, Fantasy, Azione, Thriller
Cast: Tyler Posey, Tyler Hoeclin, Dyln O'Brian, Crystal Reed, Holland Roden, Ian Bohen, JR Bourne, Melissa Ponzio, Linden Ashby, Max Carver, Charlie Carver, Daniel Sharman, Adelaide Kane

Trama:
Riprendono le avventure di Scott McCall, liceale e lupo mannaro che insieme ai suoi amici (licantropi e non), deve far fronte, questa volta, ad un intero branco di Alpha.
Altri misteriosi fenomeni, però, sconvolgono Bacon Hills, perchè vengono ritrovati tre cadaveri con l'aiuto di Lydia che dimostra di avere delle capacità sensitive.
Mentre la polizia brancola nel buio, Scott e Darek devono difendersi dagli Alpha e pensare alla salvezza del branco.


Recensione:
Come forse avevo già accennato nelle recensioni precedenti, ho iniziato a guardare questo telefilm un po' per caso, e dopo pochissimo me ne sono innamorata (ormai è entrato ufficialmente tra i miei preferiti!). Più della storia, più delle atmosfere e più della sceneggiatura, sono i personaggi e il modo in cui sono caratterizzati, ad avermi colpita positivamente.
Questa 3a, per essere composta da solo 12 episodi, mette davvero troppa carne al fuoco, altro motivo per cui ho deciso di rivederla. Le puntate hanno un intreccio così intricato che, lo ammetto, ne sono rimasta un po' confusa.



Oltre al branco di Alpha, capitanati da Deucalion, indistruttibili e pronti a tutto, ci si mette pure il Darach, un'entità malvagia che semina panico a Bacon Hills, uccidendo senza pietà, ma seguendo una determinata logica.
Le due cose sono in parte collegate, ma danno un gran bel da fare a Scott a ai suoi amici che, anche feriti e distrutti, trovano comunque la forza e il coraggio di andare a scuola!
Le puntate che mi sono piaciute di più di questa stagione, sono state “A pezzi” e “Motel California”. Per quanto riguarda la prima, mi è piaciuto il modo in cui viene girata. Inizia ad avvenimenti già accaduti e prosegue, durante il viaggio in autobus dei ragazzi, con vari flashback. Non c'è il tipico “24 ore prima”, al contrario è il presente che ripercorre gli avvenimenti del passato che, in quel caso, è il giorno prima.
Motel California, invece, mette in luce tutti i punti deboli dei nostri amati lupetti, in maniera vera, e le loro paure più nascoste, mostrandoceli per quello che sono davvero, oltre alla forza e alla velocità: dei semplici liceali.

Stiles, ribadisco, è il personaggio che più preferisco di questa serie. Mi ha ammaliata fin dalla prima puntata e ormai ne sono così innamorata, che mi ritrovo il computer pieno di foto sue (sia versione Stiles, che versione Dylan) denominate “akaj” o “hgjdnggkj”.
Insomma, se avete bisogno di sorridere, Stiles Stilinski non vi deluderà mai.
Dopo l'uscita di scena di Jackson (speriamo che ritorni, era un bel bocconcino!), mi sono trovata a rivalutare molto il personaggio di Isaac. In questa stagione assume un ruolo più importante ed entra a far parte del “team” a tutti gli effetti. È più attivo, utile, vuole aiutare ed essere capito, ma nonostante le sue nuove doti da lupo mannaro, non ha perso quella fragilità che ce l'aveva fatto conoscere fin dalla sua prima comparsa. Il fatto che non nasconda, questo suo lato insicuro, me lo fa piacere molto di più, lo trovo tenerissimo. Va bene, lo ammetto, ho iniziato a fangirlare anche per lui senza ritegno ç_ç me lo sono pure sognato...ma lasciamo perdere che è meglio!
Un personaggio non non mi è proprio piaciuto, è quello di Jennifer, mi ha irritata fin dalla prima scena in cui è comparsa, per non parlare del modo in cui, molto tranquillamente, scopre dell'esistenza dei licantropi senza fare una piega, quando incontra Darek per la prima volta. Il legame che sviluppa proprio con lui, non è stato per niente di mio gradimento!
Mi è piaciuta molto, invece, la puntata incentrata sull'adolescenza di Darek e anche gli attori scelti erano molto adatti nelle rispettive parti.
Oltre alla professoressa di cui ho parlato sopra, e Deucalion capo del branco, altri nuovi personaggi entrano in scena, ovvero gli altri membri del branco degli Alpha, tra cui i twins, i gemelli Aiden e Ethan, e Maria Stuarda Cora che, chissà dov'era stata nascosta fino a quel momento (non vi dico chi è, perchè è il primo colpo di scena di questa stagione). Ci sarà anche qualche addio però, e tanta, tanta azione.
Si crea anche una sorta di feeling tra Allison e non vi dico chi, che ho apprezzato, però, possibile che dopo due stagioni a giurarsi amore eterno, tra lei e Scott sia finito tutto? Se siete fan di questa coppia, in questa stagione tra loro è un mortorio, a parte una scena esilarante (nell'armadio...a casa di Allison...!)
Lydia sarà, anche in queste puntate, fondamentale. E' la chiave di tutte le disavventure, perchè ha una sorta di potere che nè lei, nè gli altri, riescono a spiegare.

Le atmosfere si fanno sempre più oscure e le strade di Bacon Hills, pericolose, mentre i nostri amici licantropi (e non), rinnovano ancora una volta il loro coraggio e la prontezza nell'agire anche in situazioni precarie e molto ostacolate.
Ma a parte i pericoli, il sangue, i boschi e i banchi di nebbia (a Bacon Hills sembra esserci sempre un tempo da lupi), non mancano le emozioni adolescenziali, le scene divertenti, le battute ironiche e la spensieratezza che nei giovani non manca mai.

Valutazione: 


Vi lascio il promo dell'episodio "Motel California"


The Power of a Fangirl

The Power of a Fangirl #7 (Autografi)

24.1.14

The Power of a Fangirl, è la nuova, insolita rubrica del Baule. Insolita in quanto, al momento, non mi è dato sapere precisamente dove porterà... può succedere di tutto!
Qui raccoglierò i tag, libreschi e non solo, gli oggetti che una fangirl vorrebbe dovrebbe avere, gli sfoghi di una fangirl contagiosa... e chissà che altro potrebbe venire fuori.
Insomma, siete avvisati, "The Power of a Fangirl" è una rubrica ad alto tasso di mattità!


Bene, bene, bene, questa puntata di "The Power of a Fangirl", è molto particolare, ma soprattutto personalissima, perchè mi riguarda in prima persona.
E' da un po' che volevo postarla, ma non trovavo mai il tempo di fotografare tutti gli oggetti che volevo mostrarvi. Oggi, infatti, vi faccio vedere solo una piccola parte dei miei "oggetti da fangirl" e nello specifico, vi mostro gli autografi che ho raccattato durante gli ultimi anni, e che tengo come se fossero cimeli preziosissimi. Perchè sono cimeli per la sottoscritta!

Questi sono tutti i miei autografi "musicali" su cd
(in realtà potrei essermene dimenticato qualcuno ç_ç)
e sono, dall'alto a sinistra: Finley - Lost - Finley
Luca Napolitano (ha partecipato ad Amici, non ricordo quale edizione) - Lost e di nuovo Finley
Lost - Mario Nunziante (stessa cosa di Luca, ha partecipato ad Amici) - Finley.
Se non si è capito, i Finley sono il mio gruppo preferito, lo erano anche i Lost, ma poi si sono miseramente sciolti ç_ç

Autografi musicali parte 2:
Sonohra - Finley (che mi hanno scritto Auguri, perchè il giorno prima era il mio compleanno) e Lost

Autografi musicali parte 3:
Broken Heart College
Non sono erano conosciutissimi, e se non sbaglio si sono sciolti dopo poco...non ci sono più i gruppi di una volta!

Di nuovo i Finley!
Quel "Diario di una fan;" sta per la mia pagina Fb dedicata alla musica
Se vi va di dare un'occhiata, la trovate qua

Sempre i Finley.
Qui però, da notare che hanno scritto il mio nome *_*

Daniel Radcliffe *_______*
Avevo scritto una lettera a lui, Emma, Tom e Rupert poco prima dell'uscita de "I doni della morte" seconda parte, e dopo nemmeno un mese, mi è arrivata questa. Non ci speravo proprio.
Non è autografata di suo pugno, si vede che è fotocopiata, ma ho provato una gioia immensa aprendo quella busta!!

Ksenia Solo
In pochi conoscono questa attrice (ne ho parlato qui)
anche a lei, avevo mandato una lettera nel mio inglese orribile e probabilmente zeppo di errori, e dopo mesi e mesi (giuro, mi ero dimenticata di averle scritto), mi è arrivata questa.
E' valsa la pena aspettare perchè mi ha fatto una dedica personalizzata (almeno, spero, spero, spero che l'abbia scritta lei per davvero), e ha scritto lei anche sulla busta, con i cuoricini sulle "i".
*w*

Follow Us @soratemplates