Monthly Recap

Monthly Recap - Gennaio

31.1.17

Ebbene si, anche il primo mese del 2017 è terminato. 
Di già. 
Sembra appena passato Natale...
Devo dire che gli ultimi mesi per me, da ottobre ad oggi, non sono stati un granchè, non sto benissimo, non mi sento molto in forma, e questo influisce anche sulla voglia di fare e di impegnarmi qui sul blog. Spero di risolvere presto questi problemucci, e ripartire più carica per i prossimi mesi.
Comunque, veniamo alla parte fondamentale del post, ovvero al riassunto di quest mese di gennaio:

LIBRI
Al centro dell'universo  (♥♥♥♥/ e mezzo)
Enchanted (♥♥♥/ e mezzo)
Ci proteggerà la neve (♥♥♥♥/ e mezzo)
I nostri cuori chimici (♥♥♥♥♥)
Il giardino dei fiori segreti (♥♥♥♥/ e mezzo)
La strada nell'ombra (♥♥♥♥/ e mezzo)

Come vedete, il mese di gennaio, per quanto riguarda le recensioni/letture, è partito alla grande, sono state tutte molto positive. In realtà, alcuni dei libri recensiti, li ho letti a fine dicembre (sapete bene che ho sempre recensioni in arretrato, managgia a me!), ma anche le letture fatte di cui vi parlerò prossimamente, sono state tutte soddisfacenti, quindi sono molto contenta :)


FILM&TELEFILM
Oceania (♥♥♥♥/ e mezzo)

Per quanto riguarda il frangente serie tv e film, purtroppo sono riuscita a parlarvi solamente di Oceania, anche se durante il periodo natalizio, ho avuto modo di vedere vari film, tra cui anche quello di Miss Peregrine...che però non mi è piaciuto molto rispetto al libro, sena contare il fatto che essendo stato girato da Tim Burton, una garanzia, mi aspettavo di più.
Sulle serie tv invece, molte di quelle che seguo sono ricominciate o stanno ricominciando. Di nuovo, ho iniziato solo Ths is us (ve ne avevo già parlato?), e sto facendo un bel rewatch del mio amato Buffy, di cui, mi sono accorta, non ho mai scritto una vera e propria recensione in merito...prevedo che la scriverò presto! :)

NOTE
Se ve lo siete persi, vi ricordo che sul blog è in corso un giveaway per i quattro anni del Baule d'inchiostro, potete trovare il post qui.
Con le recensioni di questo mese, ho già cancellato alcune voci della Reading Goals Challenge:
 Un libro ambientato durante la guerra : Ci proteggerà la neve
- Un libro autoconslusivo: I nostri cuori chimici
- Un libro che parli di sorelle + 1/3 retelling da leggere : Enchanted

Per oggi è tutto, ci rileggiamo a febbraio! :)

Newton Compton

Al centro dell'universo

29.1.17

Titolo: Al centro dell'universo
Autore: Morgan Matson
Editore: Newton Compton
Anno: 2016
Pagine: 383
Prezzo: 12,00

Trama:
Emily ha deciso di correre qualche rischio per trascorrere l’estate più travolgente della sua vita. Prima di Sloane, Emily non andava alle feste, parlava a malapena con i ragazzi, non aveva mai fatto niente di folle. Ma Sloane, un vero e proprio “tornado sociale”, è la migliore amica che si possa avere e l’ha t irata fuori dal suo guscio. Eppure, poco prima di quella che doveva essere un’estate epica, Sloane... scompare. Lascia solo una misteriosa lista con tredici cose, alquanto bizzarre, che Emily dovrà fare. Per esempio: “Cogli le mele di notte”. Va bene, abbastanza facile. “Balla fi no all’alba”. Perché no? “Bacia uno sconosciuto”. Che cosa?! Ma senza Sloane, Emily potrà farcela? Chissà cosa succederà, con tutta un’estate davanti e l’inaspettato aiuto dell’affascinante Frank Porter...

Recensione:
Questo, è stato il primo libro che ho letto della Matson, ma non sarà certo l'ultimo!
Per il suo modo di scrivere, e la storia raccontata ne Al centro dell'universo, mi sentirei di paragonarla un po' a Stephanie Perkins e a Jenny Han, capaci di rendere dolcissimi degli Young Adult che potrebbero risultare banali, se non fosse per la loro bravura nel renderle storie coinvolgenti e tenere, con personaggi adorabili.
Fatta questa premessa, veniamo al libro in questione, che racconta la storia di Emily, un'adolescente timida e riservata, con una famiglia alquanto particolare e stravagante, e una sola, inseparabile amica, Sloane.
Da quando Emily ha conosciuto Sloane, le cose per lei sono cambiate, anche se con gli altri continua ad essere riservata, con Sloane, invece, riesce a godersi la vita e a divertirsi come mai aveva fatto prima. Tutto fila liscio tra le due amiche, almeno fino a che Sloane sparisce nel nulla, senza lasciare traccia: non risponde alle chiamate di Emily, nessuno sa che fine abbia fatto la famiglia, di Sloane rimane solo una misteriosa lista di cose, che chiede ad Emily di fare durante l'estate.

Cose bizzarre, del tipo: fare il bagno nuda, oppure bacia uno sconosciuto. Cose che per Emily sembrano impossibili in un primo momento, ma che, forse, sono l'unico modo di ritrovare la sua migliore amica.
Va da sè, che queste improbabili cose, porteranno Emily a fare la conoscenza di nuove persone, oltre che di nuovi lati di sè stessa.

Devo ammettere che, leggendo la trama del romanzo, mi immaginavo la sparizione di Sloane, come qualcosa di più misterioso, su cui Emily doveva indagare tipo investigatrice, in realtà non è così, anzi, la scomparsa di Sloane, diventa quasi marginale, rispetto al percorso che Emily fa con gli altri e su di sè.
La Matson, fa fare un "viaggio" alla sua protagonista, alla scoperta di sè stessa, attraverso gli obiettivi della lista, infatti, Emily riuscirà pian piano ad uscire dal guscio, a diventare più impulsiva e più coraggiosa. Questo, porterà Emily, a vivere un estate folle e divertente, fatta di nuovi posti e nuove conoscenze, un estate vissuta veramente e totalmente, come non era mai riuscita a fare.

L'amicizia, è il valore su cui si basa la storia, sia quella tra Emily e Sloane, sia per quanto riguarda i nuovi legami che Emily stringe nel corso del libro, e che, le permetteranno anche di rivedere il rapporto che aveva con Sloane, che forse non era proprio così idilliaco come lei pensava.
Mi è piaciuta molto la maturazione che Emily compie durante la storia, diventa più socievole, più empatica nei confronti degli altri, e soprattutto con Frank, riuscirà ad instaurare un tenerissimo legame di amicizia, anche se all'inizio sembra improbabile.
Il personaggio di Sloane, è un po' un mistero all'inizio, perchè per certi versi sembra "limitare" in qualche modo Emily, questo almeno fino alla fine del romanzo, quando il vero carattere di Sloane, e il motivo di certi suoi comportamenti, verranno svelati.
Oltre ad Emily, un altro personaggio che ho apprezzato molto, è quello di Frank. All'apparenza, all'inizio del libro, può sembrare un ragazzo banale, troppo serio, studioso e perfettino, ma pian piano esce fuori il suo vero carattere, e si dimostra gentilissimo e romantico, ma anche imprevedibile e spontaneo.

L'ho trovata una storia originale,  e mi sono ritrovata un po' nei panni di Emily (essendo anche io timidissima). L'autrice infatti, costruisce il suo percorso di crescita pian piano, un passo dopo l'altro, il che lo fa risultare più credibile. 
Tra delusioni e scelte sbagliate, nuove consapevolezze e grandi gioie, attraverso questo romanzo siamo al fianco di Emily in un'avventura emozionante e tenerissima, narrata in modo scorrevolissimo e semplice, ma che riesce a coinvolgere fin dalle prime pagine.
Trovo che questo romanzo sia una lettura perfetta per il periodo primaverile/estivo (io l'ho letto a gennaio, e vabbè, va bene ugualmente xD), perchè è una storia leggera, ma con uno stile fresco e frizzante, che rende la lettura davvero piacevole.


Valutazione:
♥♥♥♥/e mezzo

Anteprima

Schegge d'autore #24: segnalazione "Morivamo di freddo"

28.1.17


Schegge d'autore, è la rubrica in cui presenterò autori esordienti e le loro opere.
Titolo: Morivamo di freddo
Autore: Rosalia Messina
Editore: Durango Edizioni
Collana R.I.D. (Romance in Durango)
Prezzo Ebook: 4,99 €
Prezzo Cartaceo: 11,99 €

Trama:
Mauro e Sandra, Guido e Loredana. Quattro amici, due coppie.
Attraverso due tragedie e con il passare del tempo scopriranno che nessuno di loro conosceva davvero gli altri. Enrico, il figlio di Mauro e Sandra, si è costruito una vita al riparo da scosse emotive. Gli attacchi di panico e la necessità di prendersene cura metteranno a dura prova le sue solide protezioni.
Rosalia Messina racconta le vicissitudini del dolore lungo due generazioni sotto il cielo color ardesia di Catania.

Recensioni

Enchanted

27.1.17

Titolo: Enchanted
Autore: Heather Dixon 
Editore: Sperling & Kupfer
Anno: 2012
Pagine: 360
Prezzo: 17,90

Trama:
A sedici anni, Azalea Wentworth, erede al trono del lontano regno di Eathesbury, sta per realizzare il suo sogno: feste sfavillanti e incontri con ammiratori segreti da raccontare in chiacchiere sussurrate fino all'alba con le sorelle. Ma improvvisamente tutto cambia: sua madre muore e il lutto strettissimo imposto dalla corte le vieta per un anno qualsiasi divertimento. Compresa la danza, la sua più grande passione. Azalea si trova così in trappola fra le mura del suo stesso castello. Una notte, però, la ragazza scopre un passaggio segreto che la conduce nello straordinario mondo del Custode, un uomo affascinante quanto misterioso. Un uomo che sembra capirla meglio di chiunque altro.
Perché anche lui è in trappola, prigioniero da molti secoli nel palazzo. Inaspettatamente il Custode le porge un invito: le chiede di tornare a trovarlo ogni notte e di accompagnarlo al ballo più sontuoso che lei abbia mai visto.
Così, da quella notte in poi, Azalea e le sue sorelle varcano il passaggio segreto e attraversano un bosco d'argento per raggiungere un padiglione incantato e danzare. Ma tutto ha un prezzo, anche la più seducente delle magie. Perché al Custode piace custodire le cose. E Azalea non si accorgerà di essere caduta in una rete mortale finché non sarà troppo tardi...

Recensione:
Avevo sul lettore ebook questo romanzo da una vita (penso da quando ho comprato il Kobo, ovvero 2/3 anni fa), ma non mi ero mai decisa a leggerlo, almeno fino a che è spuntato fuori tra gli obiettivi di una challenge a cui sto partecipando.
Enchanted, di Heather Dixon, è praticamente il retelling della fiaba "Le dodici principesse danzanti", che sinceramente non conosco, quindi non ho modo di dire quanto questo romanzo si attenga alla storia originale. In generale, però, il libro mi è piaciuto moltissimo, a partire dal rapporto tra le sorelle protagoniste, che è poi ciò su cui si basa la storia.
Abbiamo infatti Azalea, la più grande di molte sorelle, che è costretta a prendersi cura di loro, e in qualche modo anche del padre, quando la mamma viene a mancare.
Nel loro periodo di lutto, alle ragazze è proibito danzare (oltre che a sottostare a ferree regole di comportamento), l'attività che amano di più al mondo fare, almeno fino a che Azalea scopre, all'intero del castello, un passaggio segreto, che conduce ad un magico giardino in cui, lì, tutto è possibile.

Il rapporto di Azalea con le sorelle, è un legame davvero fortissimo, pur essendo in molte, e di tante età diverse, le sorelle hanno un legame davvero speciale in cui si spalleggiano e si sostengono a vicenda, durante un periodo doloroso, quando anche il loro padre sembra volerle allontanare.
La cosa che ho trovato molto carina, è che tutte le ragazze, non solo hanno nomi di fiori, ma li hanno anche il ordine alfabetico dalla più grande alla più piccina (Azalea, Begonia, Camelia...).
Essendo in così tante, sinceramente ho faticato un po' a riconoscerle, quando parlavano, a parte Azalea, che è la più grande, ed è anche fondamentalmente la protagonista, anche perchè l'autrice non si è soffermata più di tanto sulle descrizioni fisiche, cosa che, a mio avviso, avrebbe aiutato a distinguere le ragazze.
Il padre, che vive un momento di profondo sconforto, e sembra inizialmente quasi non sopportare le figlie, e il Custode, che si occupa del giardino magico, sono altre figure importanti nel romanzo.
La magia che regna all'interno del castello, e le leggende narrate, si uniscono alla passione per la danza delle sorelle, che sembrano conoscere praticamente ogni singolo ballo esistente! Ne sono così appassionate, che non ci pensano due volte a distruggere piedi e scarpette, il giardino per loro diventa un luogo segreto in cui sfogare la loro passione e il loro stato d'animo interiore.

Devo dire che l'autrice è stata davvero brava a descrivere il bosco incantato, con dettagli vividi e chiari, tanto che è facile riuscire ad immaginarselo davanti agli occhi.
Per quanto riguarda il finale, non posso dire molto senza fare spoiler, mi è piaciuto, però, nel complesso, avrei preferito un po' più di azione all'interno del romanzo, perchè tutto sommato l'inizio è piuttosto lento, nel senso che Azalea e le sorelle, più che ballare, non fanno xD

In ogni, caso, il libro mi è piaciuto molto, soprattutto per le atmosfere e le descrizioni degli ambienti, in cui l'autrice è stata bravissima.

Valutazione:
♥♥♥ / e mezzo

Giveaway

Buon compleanno Baule d'inchiostro! + Giveaway

25.1.17

Ci sono quattro candeline di troppo in questa immagine, ma non importa, perchè esattamente quattro anni fa, Il Baule d'inchiostro prendeva vita! xD
Ebbene si, sono già passati quattro anni e non mi sembra vero. Non mi sembra vero, perchè spesso e volentieri, mi sono  imbarcata in progetti piena di entusiasmo e motivazioni, che poi pian piano venivano a mancare, e finendo per stancarmi/abbandonare determinate cose.
Invece sono felicissima, e orgogliosa, di essere riuscita a mantenere attivo questo blog, di avere ancora voglia e passione per parlarvi dei nostri adorati libri, compagni di viaggio, di pianti, di emozioni...
Con il tempo, questo blog, è diventato qualcosa di più, di un semplice angolino in cui sfogare il mio amore per la lettura, ho ampliato un po' gli argomenti, parlandovi anche delle serie tv, e di film  ho adottato e poi abbandonato rubriche, per crearne poi delle altre...anche se ormai mi sono arresa, e le pubblico quando capita, perchè dopo quattro anni, rimango comunque super disorganizzata! Sigh!
Comunque, in tutta questa premessa, voglio dire grazie a voi, che mi seguite, che commentate i miei post, che mi fate scoprire nuovi libri (e contribuite quindi a far allungare ulteriormente la mia wishlist), che amate la lettura quanto me facendomi sentire normale (visto che con i miei coetanei, la mia passione per i libri mi fa sentire tipo un'aliena! -.-). 
E' anche, e soprattutto, grazie a voi, se questo mio angolino è ancora vivo e vegeto, perchè anche se inizialmente, l'intento di aprire questo blog, era semplicemente quello di sfogare e diffondere il mio amore per i libri, senza che mi aspettassi chissà quale seguito, la voglia di portare avanti questo progetto è dovuta dal fatto che, con i vostri commenti, i consigli e i suggerimenti, rendete questo angolino ancora più accogliente e familiare.
Quindi grazie a tutti, immensamente grazie!

Dopo questa premessa chilometrica, eccoci arrivati alla parte più ghiotta dei blog, ovvero la mia sorpresina per voi.
Inizialmente, avevo deciso di strutturare il giveaway in modo totalmente diverso, ma a causa di mancanza di tempo, ho cambiato idea. In ogni caso, ho deciso di utilizzare i soliti form, ma di crearne tre, così ognuno è libero di partecipare o meno al giveaway che vuole.
Potete partecipare a tutti e tre, o, se non leggete in lingua, per esempio, evitare di partecipare a quello che mette in palio ebook in inglese.
Scegliete voi :)

REGOLE PER PARTECIPARE:
I vincitori, quindi, saranno tre, uno per ogni pacchetto.
Per partecipare, oltre a compilare i form con le solite indicazioni, dovete lasciare un commento confermando la vostra partecipazione, e scrivendo la vostra mail, con cui potrò poi contattarvi in caso di vincita.

Ecco dunque i premi, e i relativi form da compilare.

Pacchetto #1
Contiene 5 ebook in lingua inglese
(Cliccate sui titoli per leggerne le trame)



a Rafflecopter giveaway
Pacchetto #2
Contiene 6 ebook in italiano
(cliccate sui titoli per leggerne le trame)


a Rafflecopter giveaway
Pacchetto #3 
Pacchetto a sorpresa!
Questo è il pacchetto misterioso, ma è anche il più ricco, diciamocelo.
Questo pacchetto, infatti, contiene un libro cartaceo, più altre cosine (che possono essere segnalibri, gadget, oggetti di cancelleria...) è tutto un mistero insomma, fino a che il vincitore non lo riceverà, l'esatto contenuto di questo pacchetto rimarrà segreto.

a Rafflecopter giveaway


Il giveaway, terminerà il 25 febbraio.
Se avete dubbi o domande, non esitate a contattarmi alla mail hayls.hutch@gmail.com.
Buona fortuna a tutti! :)

Note musicali dal Baule

Note musicali dal baule #41

23.1.17



"Note musicali dal baule" è una rubrica senza cadenza fissa, in cui vi posterò le mie canzoni preferite, le nuove scoperte, vi presenterò alcuni artisti...
Se volete lasciare tra i commenti i titoli delle canzoni che VOI amate di più, i vostri cantanti preferiti, o consigliarmi qualche canzone, fate pure! Non sono mai sazia di musica, quindi ogni nuova scoperta mi rende felice :)
Torna l'appuntamento con la musica qui sul blog. E' da tantissimo che non posto questa rubrica (per la precisione, dal 6 settembre!) , ma la musica, come be sapete, non mi abbandona mai.
Quelle di oggi, sono alcune tra le mie scoperte musicali più recenti, ma con cui sono totalmente in fissa nell'ultimo periodo. In particolare, la canzone degli One Republic, mi piace da matti! Ho rivalutato parecchio questa band ultimamente, ha sfornato un sacco di pezzi niente male!





Garzanti

Ci proteggerà la neve

22.1.17

Titolo: Ci proteggerà la neve
Autore: Ruta Sepetys
Editore:  Garzanti
Anno: 2016
Pagine: 364
Prezzo: 16,90

Trama:
Il vento solleva strati leggeri di fiocchi ghiacciati. Joana ha ventun anni e intorno a sé vede solo una distesa di neve. È fuggita dal suo paese, la Lituania. È fuggita da una colpa a cui non riesce a dare voce. Ma ora davanti a sé ha un nuovo nemico: è il 1945 e la Prussia è invasa dalla Russia. Non ha altra scelta che scappare verso l'unica salvezza possibile: una nave pronta a salpare verso un luogo sicuro. Eppure la costa è lontana chilometri. Chilometri fatti di sete e fame. E Joana non è sola. Accanto a lei ci sono altre anime in fuga, ognuna dal proprio incubo, in viaggio verso la stessa meta. Emilia, una ragazza polacca che a soli quindici anni aspetta un bambino, e Florian, un giovane prussiano che porta con sé il peso di un segreto inconfessabile. I due hanno bisogno di Joana. Perché lei non ha mai perso la speranza. Perché la guerra può radere al suolo intere città, ma non può annientare il coraggio e la voglia di vivere. È grazie a questa sua forza che Joana riesce ad aiutare Emilia nella gravidanza e a far breccia nel carattere chiuso e diffidente di Florian. I loro giorni e le loro notti hanno un'unica eco: sopravvivere. E quando la nave finalmente si intravede all'orizzonte, la paura vorrebbe riposare in un porto sicuro. Ma Joana sa che non si finisce mai di combattere per la propria vita, ed è pronta ad affrontare ogni ostacolo, ogni prova, ogni scherzo del destino...

Recensione:
Di questa autrice, avevo precedentemente letto, e amato, Una stanza piena di sogni, sono stata spinta ad acquistare questo libro, così, a "scatola chiusa", grazie a tutte le recensioni veramente positive lette al riguardo. E devo dire che, anche se solitamente, avendo un budget limitato per i libri, ci rifletto sempre sopra prima dell'acquisto, in questo caso non mi sono pentita di aver comprato questo libro, così, di getto.
Personalmente, non amo molto leggere storie ambientate durante la guerra, ma devo dire che, in questo caso, Ruta Sepetys è riuscita a farmi amare il suo libro, tanto da promuoverlo a pieni voti. Sarà per il modo eccellente in cui riesce a raccontare questa storia, una vicenda spinosa e toccante, un argomento delicatissimo, che l'autrice riesce a descrivere appieno.
Si vede lo studio e la documentazione accurata che è stata fatta per raccontare questa storia, un evento, quello che vivono i protagonisti, tanto tragico quanto sconosciuto, come la stessa autrice ammette.


Siamo nel 1945, quando Joana, Emilia, Florian e Alfred (ma anche tanti altri) si incontrano, sulla strada che, dovrebbe portarli alla libertà, sempre più lontani da una terra che li ha traditi e da una guerra che pare senza fine.
Joana, è una giovane infermiera, che spinge gli altri a non perdere le forze, anche quando lei stessa non ce la fa più.
La giovanissima Emilia, nasconde un segreto meraviglioso, quanto terribile, è in viaggio verso un luogo in cui non è costretta a nascondere la propria nazionalità.
Alred, che ho detestato, lo ammetto, è un ragazzo spregevole e senza pudore, aspira solo a veder riconosciute doti che in fondo non possiede.
E infine Florian, un ragazzo misterioso, che porta avanti un piano segreto per vendicarsi nei confronti di Hitler.
Loro quattro, sono i personaggi principali del libro, le quattro voci che si alternano nel raccontare questa storia.
Ho apprezzato la scelta dell'autrice nell'utilizzare più voci, perchè mi hanno permesso di capire la storia da più punti di vista, riflettendo meglio su come la guerra infonda, in ognuno di questi personaggi, paure e sentimenti diversi. L'autrice, è stata poi brava a caratterizzare i suoi personaggi, perchè sono ben delineati, e non risulta difficile riconoscere le loro voci (come in alcuni libri accade).
Tutti personaggi soli, che hanno perso la casa, la famiglia, gli amici e le proprie radici, ma che non smettono di combattere, nonostante le cicatrici, le fitte allo stomaco e le truppe sovietiche che li inseguono.
Nonostante tutto questo, si prendono cura gli uni degli altri e cercano di proteggere i più deboli.

Con uno stile delicato ma fedele, coinvolgente ed emozionante, ci porta a scoprire fatti storici di cui si conosce poco e nulla, facendo luce su anni difficili, ma con personaggi fortissimi, determinati e d'impatto.
Ci troviamo di fronte ad un romanzo toccantissimo, che sfiora i cuori dei lettori, con una prosa ricca e curata. Una storia commovente, potente, che non si dimentica, una volta chiuso il libro, anzi, fa riflettere su quanti avvenimenti del nostro passato rimangano ancora segreti, su quante sofferenze sono state celate, e quante voci siano state spezzate, senza alcuna testimonianza.

E' un viaggio nel 1945, quello in cui ci porta la Sepetys, che ci permette di conoscere e far luce su un fatto poco conosciuto di quel periodo storico, in cui dolore, paura e fatica, andavano di pari passo con un barlume di speranza.
La stesa speranza che spinge anche i nostri protagonisti ad arrancare nella neve, affamati e infreddoliti, verso la debole ombra di un futuro migliore.

Valutazione:
♥♥♥♥/ e mezzo

#5coseche

5cose che # : 5 libri in cui vorrei essere stata al posto della protagonista

20.1.17



Rubrica ideata da Twin Books Lovers (a cui potete aderire qui) in cui, ogni settimana, in base ad un tema prescelto, si stila una lista di cinque cose.

Tanti auguri a me, tanti auguri a me, tanti auguri a me!
Ebbene si, oggi è il mio compleanno! Quando è saggio smettere di svelare l'età? Vabbè, per quest'anno lo dico, sono 26 ç_ç Mi sento vecchissima, ma mi consola il fatto che tutti mi credano ancora diciottenne...positivo no? So che molti sono infastiditi a sentirsi affibbiare un'età minore, ma io la vedo solo come una cosa positiva per il futuro xD

Venendo al dunque, oggi torno a parlarvi dell rubrica del venerdì, 5 cose che, e nel dettaglio, si parla di 5 libri in cui vorrei esser stata al posto della protagonista.

E' stato difficile scegliere, più che altro perchè mi venivano in mente un po' gli stessi personaggi di cui vi avevo già parlato


Hermione Granger - Harry Potter
Bella, intelligentissima, prima della classe, ma soprattutto, con due migliori amici pazzeschi. Chi non vorrebbe essere lei? Io, da piccola, sognavo proprio di unirmi a questo magico trio, perchè avere amici come loro mi sembrava meraviglioso, quindi si, se potessi, vorrei essere lei per un po'.
Vivere avventure magiche, scorrazzare di notte per Hogwarts, essere abile con la magia, sapere sempre come cavarmela, ed avere amici fidati su cui poter sempre contare... che meraviglia!

Tiger Lily
Alquanto diversa dalle solite protagoniste, forse vorrei essere lei proprio per questo. Non è la più bella del suo villaggio, nè la più ammirata, e se ne sta sempre sulle sue, eppure è coraggiosa, è amata da pochi, ma amata enormemente, sembra non avere mai paura ed essere sempre all'altezza della situazione, anche quando è difficile.
Adoro il personaggio di Tiger Lily, forse è uno dei miei preferiti in assoluto, quindi non potevo che inserirla in questa lista.


Puck - La corsa delle onde
Amo "La corsa delle onde", e amo questo personaggio, è una ragazza insicura, eppure molto determinata, ha paura, eppure prosegue, va avanti nella sua impresa, anche se sembra impossibile sopravvivere. Riesce a farsi valere e rispettare, anche se pochi sembrano credere in lei.
E poi, non dimentichiamoci che ha il privilegio di stare accanto a Sean Kendrick...chi non vorrebbe essere lei? xD

Jacinda - Firelight
Non ho letto molti romanzi sui draghi fino ad ora, ma sono creature che trovo particolarmente affascinanti, e Firelight è senza dubbio la lettura migliore fatta fino ad ora, che descrive al meglio queste creature. E si, mi piacerebbe per un po' provare ad essere Jacinda. Capire cosa si prova a volare e potersi trasformare.
E' un personaggio diverso dagli altri che ho scelto, proprio perchè è umana "a metà", e la cosa, devo dire che mi incuriosisce parecchio!

Luna Lovegood - Harry Potter
Sempre parlando della serie di Harry Potter, mi piacerebbe essere anche Luna. E' un personaggio bizzarro, ma io la trovo dolcissima, e anche se tutti la trovano stramba, secondo me è intelligentissima, e mi piace il suo modo di pensare e di vedere le cose, quindi penso che sarebbe interessante essere lei per un po' :)

Per oggi è tutto, al prossimo post :)

Dal grande schermo

Oceania

18.1.17

Titolo: Oceania
Titolo Originale: Moana
Paese: USA
Anno: 2016
Genere: Film d'animazione

Trama:
Tremila anni fa, i più grandi navigatori al mondo attraversavano lo sconfinato Oceano Pacifico, alla scoperta delle numerose isole dell'Oceania. Ma poi, per un millennio, i loro viaggi cessarono - e ancora oggi, nessuno sa il perché. Da Walt Disney Animation Studios arriva Oceania, un'entusiasmante avventura d'animazione incentrata su una vivace adolescente di nome Vaiana, che s'imbarca in una coraggiosa missione per salvare il suo popolo. Durante il suo viaggio, s'imbatterà nel semidio in disgrazia Maui che la guiderà nella sua ricerca per diventare una grande esploratrice. Insieme, i due attraverseranno l'oceano in un viaggio pieno d'azione, che li porterà ad affrontare enormi creature feroci e ostacoli impossibili e, lungo il percorso, Vaiana porterà a compimento l'antica ricerca dei suoi antenati e troverà l'unica cosa che ha sempre desiderato: la propria identità.

Recensione:
Sono andata a vedere questo film con mia sorella e la mia nipotina, ammetto che io avrei preferito vedere Sing, ma è la piccola Lara che comanda, e lei ha scelto Oceania, e ha fatto bene direi!
Io adoro i film d'animazione, e non mi vergogno di ammetterlo, ma non pensavo che questo film mi piacesse così tanto, e invece l'ho trovato meraviglioso.
L'ambientazione così diversa dai soliti Disney, i colori brillanti, le musiche...hanno fatto di questo film, un vero gioiellino, che vi consiglio di vedere. Prati verdissimi, un oceano bello anche quando è in tempesta, un'isola in cui le persone collaborano, lavorano e vivono in sintonia, in modo armonioso, un turbinio di colori scintillanti e ritmo e canzoni così contagiose che fanno venire voglia di ballare e canticchiare.
E' tra tutto questo, che cresce Vaiana, la protagonista, la figlia del "capo", destinata a diventare anch'essa il capo sull'isola in cui vive, ma che in realtà sogna molto di più.
Lei sogna di solcare l'oceano, di vedere il mondo, aspira alla libertà, anche se è proibita. Il suo popolo, però, ha bisogno di lei, e, anche se non è semplice, decide di partire, per cercare Maui, un semi-dio, che tanti, tanti anni prima, ha rubato il cuore dell'isola, senza il quale Vaiana e il suo popolo, non possono sopravvivere.

Vaiana, è una ragazzina determinata e coraggiosa, parte pur non sapendo navigare, nè dove andare, spinta dalla forza dei suoi desideri, che fin da piccola l'hanno sempre attratta verso l'oceano, e convinta dall'adorabile nonna, che sembra essere l'unica in grado di capirla.
Lui, invece, Maui, il "mutaforma  semi-dio del vento e del mare eroe degli uomini", tutto muscoli e tatuaggi (sempre in movimento xD), è in realtà meno minaccioso di quanto voglia far credere, anzi, è un personaggio buffissimo e simpatico, anche se con Vaiana sembra non voler proprio andare d'accordo, nè volerla aiutare nella sua impresa.

Un film che mescola magia, leggende e mitologia, ambientazioni da favola, azione e gag simpaticissime, noci di cocco assassine e mostri di lava, effetti speciali pazzeschi,  un film divertentissimo e sorprendente, assolutamente da vedere! 
Secondo me bisognerebbe smetterla di credere che i film d'animazione siano adatti solo ai bambini, perchè non solo canzoni allegre e buffi nomi, ma nascondo in sè tanti insegnamenti,
utili ai bambini, si, ma anche agli adulti. Insegnamenti importanti, valori forse dimenticati, oltre che, ovviamente, la magia, il potere dei sogni e soprattutto, della fantasia, che non dovremmo mai perdere, anche da adulti. Insomma, poi, ammettiamolo, i classici Disney raccolgono molti più insegnamenti positivi di quanto sappiano fare tanti film "da grandi", quindi perchè mai ci si dovrebbe vergognare di guardare film d'animazione?

Valutazione:
♥♥♥♥ / e mezzo


Trailer

Recensioni

I nostri cuori chimici

16.1.17

Titolo: I nostri cuori chimici
Autore: Krystal Sutherland
Editore: Rizzoli
Anno: 2016
Pagine: 335
Prezzo: 17,00

Trama:
Henry Page ha 17 anni e non si è mai innamorato. Paradossalmente, la colpa è del suo inguaribile romanticismo: Henry è da sempre così aggrappato al sogno del Grande Amore da non aver lasciato spazio alle cotte che da anni elettrizzano le vite dei suoi amici. Non è una scena da film nemmeno il primo incontro con Grace Town: Grace cammina con il bastone, porta vestiti da ragazzo troppo grandi per lei, ha sempre lo sguardo basso. Complice il giornale della scuola, Henry se la ritrova vicina di scrivania, e presto precipita nella rete gravitazionale di Grace, che più conosce, e più diventa un mistero. Grace ha ovviamente qualcosa di spezzato e questo non fa che attirare Henry, convinto di poterle ridonare quel sorriso che fino a pochi mesi prima la accompagnava ovunque. Ma forse il Grande Amore è più amaro di quanto i romantici credano.


Recensione:
Ho letteralmente divorato questo romanzo, iniziato in una mattinata passata a letto, a causa di un mal di testa che mi impediva anche solo di pensare, mi sono ritrovata a metà libro senza neanche rendermene conto, e in una manciata di ore l'ho terminato.
Adocchiato già in lingua, era finito dritto dritto nella mia wishlist appena scoperto che sarebbe uscito tradotto, e le opinioni positive lette qua e là al riguardo, non facevano che accrescere la mia voglia di stringere tra le mani questo libro.
Ai soliti paragoni, di solito non credo, basta pensare alle millemila fascette gialle, per cui nove libri su dieci sono "Il caso letterario dell'anno", "L'esordio migliore del 2016" o ancora "L'erede di X e Y"... però, in questo caso, forse le voci che dicevano che I nostri cuori chimici potesse essere una lettura perfetta per chi ha amato Colpa delle stelle o Raccontami di un giorno perfetto, erano giuste. Non tanto per la storia in sè, quanto per i personaggi all'interno della storia.
Si, perchè qui, sono proprio i personaggi, a stupire più di tutto.

Complessi ed eccezionali, proprio per le loro mille sfaccettature che li rendono incredibilmente veritieri e reali. 
Fino ad oggi, non ho ancora trovato dei protagonisti maschili, creati da autrici donne, che mi abbiano resa insoddisfatta, anzi, forse sono proprio i migliori!
Qui, abbiamo Henry, un ragazzo perfettamente capace di prendersi in giro quando serve, ma estremamente maturo quando è necessario. Simpaticissimo, forse un po' strambo, fan sfegatato di Harry Potter (come non amarlo, quindi?), con dei genitori ancora più strambi, ma così esilaranti che è impossibile non adorarli. Gli amici di Henry, poi, non sono da meno, sarcastici fino al midollo, buffissimi, rendono la storia ancora più unica, e scorrevolissima di quanto già non sia.

Breve accenno alla trama, racconta la storia di Henry Page, un diciassettenne del tutto "lontano" dall'amore. Non lo cerca, non è esattamente la sua priorità, almeno fino a quando arriva Grace, la nuova arrivata della sua scuola che non passa inosservata a causa della sua andatura zoppicante accompagnata da un bastone, dai suoi abiti da ragazzo, dalla sua pettinatura stramba e poco curata.
Grace sembra voler stare per conto suo, e non è intenzionata a rivelare cosa le è successo, nè perchè si è trasferita, ma Henry è inevitabilmente attirato da lei, e a causa del giornale scolastico, i due sono costretti a collaborare.
Pur essendo molto diversi, tra loro si instaura subito un legame particolare e speciale, fatto di battute, giochi di parole, messaggi scambiati a tutte le ore e citazioni di libri e film.

Uno young adult impregnato di sentimenti ed emozioni fortissime, non ci troviamo di fronte ad una banale storia d'amore, ma è molto di più, molto più profondo. E' un incontro tra un ragazzo speciale e un'anima spezzata, l'accendersi di un sentimento disarmante, puro e travolgente, eppure incerto, che viaggia sul filo del rasoio, perchè Grace, come intuisce subito Henry, non è una ragazza come le altre. Vive un esistenza spenta, in bilico tra i giorni si e quelli no, una ragazza un tempo affamata di vita, ma che una tragica vicenda ha cambiato radicalmente, portandola ad essere solo il fantasma di quella che era un tempo.
Portatrice di guai e scelte sbagliate, eppure all'amore non si comanda, anche se non è perfetto, anche se fa male, anche se non è per sempre, anche se c'è l'ombra di qualcun altro accanto a Grace.

Henry è uno di quei personaggi a cui ci si affeziona subito, per cui si fa il tifo dall'inizio alla fine. I suoi pensieri ci travolgono, il suo romanticismo ci disarma, ci piace il suo spirito, il suo sarcasmo, il suo riuscire a capire che Grace non è cosa per lui, eppure continuare a sperare. Grace, d'altra parte, non la si riesce neanche ad odiare, perchè in fondo, il suo comportamento, il suo dilemma interiore, il suo attaccamento a certi vestiti, a certi luoghi, a certi ricordi, è anche comprensibile.

Un romanzo che consiglierei a tutti, adatto a qualsiasi età, poco importa che i due protagonisti abbiano solo diciassette anni, ciò che conta, è quello che la loro storia ci fa provare, e questo romanzo, a mio avviso, è qualcosa che nessuno si dovrebbe negare.

Perfetta, poi, la cover, sono felice che abbiano mantenuto quella originale, sia perchè è molto particolare, sia perchè è strettamente collegata alla storia.

«Di solito sapevo riconoscere e dare un nome alle mie emozioni. Ma questa volta era qualcosa di nuovo. Un sentimento enorme, grande come una galassia, così ampio e intricato che la mia povera testolina non riusciva a comprenderlo. Come quando senti che la Via Lattea è composta di quattrocento miliardi di stelle e pensi: "Oh, è piuttosto grande" ma il tuo minuscolo cervello umano non sarà mai in grado di comprendere quanto sia gigantesca, perché noi siamo troppo piccoli. Era così che mi sentivo.«Non fare l'idiota, Henry» dissi. «Non innamorarti di questa ragazza.»Quando arrivai a casa accesi il computer e scrissi: «Non ho mai avuto una ragazza perché non ho mai incontrato qualcuno che volessi in quel modo nella mia vita. Tranne te. Per te potrei fare un'eccezione.»

Valutazione:
♥♥♥♥♥ 

Follow Us @soratemplates