Follow Us @soratemplates

07/11/18

La buia discesa di Elizabeth Frankenstein

Titolo: La buia discesa di Elizabeth Frankenstein
Autore: Kiersten White
Editore: HarperCollins
Anno: 2018
Pagine: 329
Prezzo: 16,90

Trama:
La piccola Elizabeth Lavenza non mangiava un pasto decente da giorni e le sue braccia erano coperte di lividi quando il giudice Frankenstein l'ha portata via dall'orfanotrofio e da una vita di maltrattamenti perché diventasse la compagna di giochi di suo figlio Victor, un ragazzino cupo e solitario che aveva tutto, tranne che un amico. Victor era la sua salvezza, l'occasione per sottrarsi alla miseria, e da quel giorno Elizabeth, decisa a non lasciarsi sfuggire l'opportunità di cambiare in meglio la propria esistenza, ha fatto tutto ciò che era in suo potere per rendersi indispensabile. E ci è riuscita: la famiglia Frankenstein l'ha accolta, le ha dato una casa, un letto caldo in cui dormire, buon cibo e vestiti bellissimi. Lei e Victor sono diventati inseparabili. Ma quella nuova, meravigliosa vita ha un prezzo. Con il passare degli anni, Elizabeth ha dovuto imparare a convivere con il temperamento violento di Victor, ad accontentare ogni suo capriccio, ad assecondarlo nei suoi vizi. Perché dietro gli occhioni azzurri e il sorriso dolce si nasconde in realtà il cuore calcolatore di una giovane donna decisa a sopravvivere a qualunque costo... anche quando il mondo che credeva di conoscere sprofonda nelle tenebre.

Recensione:
Dopo "Io sono buio", che mi era piaciuto tantissimo, questa nuova rivisitazione della White, mi ispirava così tanto, che mi sono precipitata in libreria non appena il libro è uscito. 
Il romanzo, edito Harper, con un copertina niente male (anche se mantenere l'originale sarebbe stato meglio, ANCORA UNA VOLTA) racconta la storia di Elizabeth, "salvata" dalla famiglia Frankenstein. La piccola, portata via da un orfanotrofio e da una vita crudele, viene freddamente scelta dai coniugi Frankenstein, con la speranza che la ragazzina possa in qualche modo aiutare il loro figliolo, Victor. Il bambino si mostra fin da subito come un solitario, particolarmente portato agli scatti d'ira, ma con il tempo Elizabeth riesce a conquistare la sua fiducia e solo lei sarà poi in grado di calmare l'animo di Victor.
Con il passare del tempo, e degli anni, il legame tra i due personaggi diventa sempre più stretto, la loro amicizia si trasforma in vero e proprio legame di sangue, tanto che Victor prova per Elizabeth un affetto che non riesce a provare nemmeno per i suoi stessi fratelli, o genitori. 
Il romanzo, parte dalla decisione di Elizabeth, di partire di nascosto per cercare Victor, partito per l'università, ma di cui non si hanno più notizie da diverso tempo. La ragazza è disperata senza di lui, si sente sola, e se lui ha bisogno di lei, Elizabeth sente un altrettanto attaccamento nei confronti dell'unica persona che le è sempre stata vicina. Questo viaggio, la porta però a scoprire, o meglio, ad avere a conferma dei suoi sospetti: la mente di Victor è geniale quanto malata e solo lei, forse, è in grado di tenere a bada la frenesia del ragazzo.

Non ho mai letto Frankenstein, quindi non posso dire quanto l'autrice abbia mantenuto dei dettagli originali, ma è ben chiaro che questa storia proceda in un modo tutto suo.
Anche questa volta, infatti, la White ha saputo conquistarmi con una protagonista forte, indipendente e determinata, soprattutto vista l'epoca in cui la storia è ambientata. Se per certi versi Elizabeth è una forza della natura, però, per altri risulta anche accecata dai suoi sentimenti per il ragazzo, che le impediscono di ragionare a mente lucida, o forse sono anche i suoi scopi personali (il suo bisogno di essere parte di una famiglia, la paura di tornare in mezzo ad una strada, il terrore di rimanere da sola, di nuovo), a spingerla a fingere di non notare ciò che è ben chiaro, ma che tutti si rifiutano di ammettere: in Victor c'è qualcosa che non va.
La storia è narrata al presente, al punto di vista di Elizabeth, ma attraverso dei flashback, riusciamo a dare un'occhiata al passato della ragazza, in cui vengono a galla diversi episodi che la mostrano alle prese con la conquista della fiducia di Victor, episodi in cui si sfiora la violenza, o il lento processo dell'accettare nuove amicizie, anche se minano la sfera personale dei Frankenstein.
Oltre alla protagonista, e a Victor, pochi altri personaggi ruotano attorno a questa storia dai toni cupissimi e gotici, perfettamente in linea con la festività appena passata di Halloween (volevo pubblicare la recensione prima, ma non ce l'ho fatta!)

Una storia inquietante e bizzarra, con lo stile fluido e studiato della White, che senza fronzoli riesce a catturare il lettore fin dalle prime pagine, e tenerne alta l'attenzione per tutta la durata del libro. Pur senza grandi colpi di scena, o troppa azione, l'autrice ha saputo creare un romanzo ricco di mistero e sentimento, anche se non necessariamente "puro" o "sano". Un libro scorrevole, oscuro ed originale, magistralmente architettato dall'autrice, che ci porta alla scoperta di una mente (quella di Victor) che affonda nella pazzia e nella genialità in egual misura.

Valutazione:
♥♥♥♥

9 commenti:

  1. Ho già letto un'altra recensione entusiasta di questo romanzo che mi conferma assolutamente la mia voglia di leggerlo *^*

    RispondiElimina
  2. Anche io non vedo l'ora di leggere questo romanzo. Tutto merito del titolo!

    RispondiElimina
  3. Non avevo mai sentito questo romanzo e devo dire che la tua recensione mi ha incuriosita parecchio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'uscita recente e forse non è stata ben pubblicizzata, ma secondo me è una lettura molto carina ;)

      Elimina
  4. Salve
    Siamo un gruppo finanziario privato. Concediamo il prestito da 2.000 € a 200.000 € al massimo e senza busta paga se sei un libero professionista, uno studente universitario,una casalinga o un disoccupato, con e senza garanzie alternative alla busta paga.
    Contattaci via e-mail per maggiori informazioni: ambrosinigisele@gmail.com

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)