Rubinrot

Titolo originale: Rubinrot
Paese: Germania
Regia: Felix Fuschssteiner
Anno:2013
Durata: 122 min.
Soggetto: basato sui romanzi di Kerstin Gier
Cast: Maria Ehirich, Jannis Niewohner, Laura Berlin, Veronica Ferres, Florian Bartholomai, Jennifer Lotsi, Peter Simonischek


Trama:
Gwendolyn Shepard è una sedicenne come tante altre ma la sua famiglia nasconde un segreto che si tramanda di generazione in generazione: grazie a un particolare gene, alcuni prescelti hanno la possibilità di viaggiare nel tempo. Poiché tutti ritengono che il gene sia in Charlotte, la cugina di Gwendolyn, le priorità della famiglia sembrano ruotare intorno a lei. Un giorno, però, mentre si trova a Londra, Gwendolyn realizza di essere lei la predestinata e non la cugina. Per nulla eccitata all'idea, Gwendolyn dovrà affrontare un pericoloso salto nel passato in compagnia dell'arrogante amico Gideon de Villieres per risolvere i misteri legati alla storia della sua famiglia e al rubino rosso. 


Recensione:
Avendo apprezzato tantissimo la trilogia di Kerstin Gier, non immaginate la mia delusione quando ho scoperto che questo film non sarebbe uscito in Italia!
Fortunatamente esistono altri mezzi per noi poveri film/telefilm dipendenti! 

Sono abituata ormai, ai sottotitoli, ma il tedesco non l'ho mai studiato, non è propriamente una lingua elegante e mi ha un pò stranito sentirla.
Ammetto che, se non avessi letto la notizia che le riprese di Blue (Saphirblau) sono iniziate da poco, prima di aver visto il film, per la prima parte della pellicola avrei faticato a capire se  il film fosse incentrato solo sul primo libro o sull'intera saga.
Le cose da dire erano molte, e la questione dei viaggi nel tempo, che nei libri vengono descritti alla perfezione, qui vengono invece spiegati in velocemente e non nel modo più corretto. Se non avessi letto i libri prima, probabilmente di questo film, avrei capito ben poco.
Avviene tutto troppo frettolosamente, i viaggi nel tempo che Gwendolyn compie, sono pochissimi, ma già bastano perchè lei venga mandata in missione (senza sapere nulla dell'epoca, mente nel libro viene prima "istruita", per mantenere l'autenticità del periodo in cui viaggiano). Per di più, non le spiegano molto di quello che deve fare e in che cosa consiste essere una portatrice del gene, mostrando così di avere ben poco interesse per la sua vita, che con i viaggi, viene messa in pericolo.
Alcune considerazioni poi, le devo assolutamente fare.
Prima di tutto, perchè Gideon ha i capelli lunghi??? L'attore che lo interpreta, non è niente male, ma i ragazzi col codino, mi piacciono poco... quindi pretendo-esigo-supplico che nel prossimo film abbia i capelli più corti! Mi sa che è per questo che Gideon mi è subito stato sulle scatole all'inizio, anche se poi nel corso del film mi sono leggermente abituata alla cosa e l'ho rivalutato.
Altro fattore da valutare: come mai Leslie è diventata di colore, non l'ho proprio capito. E' a me, che è sfuggito questo tratto, o nel libro non era così? Possibile che in tutta la Germania, non ci fosse attrice più adatta? E poi, come mai la sorellina di Gwendolyn è stata miseramente eliminata dalla sceneggiatura? Non che il fratello abbia chissà che ruolo determinante, dice due parole in croce, ma almeno c'è!
La mamma di Gwendolyn, se devo essere sincera, mi ha suscitato antipatia fin da subito. Non è dolce e protettiva come nel libro, ma ha un che di altezzoso che mi ha infastidito...quasi più di Charlotte, che invece non fa abbastanza la “superiore”, ma sembra semplicemente persa e spaesata senza il suo dono di viaggiatrice nel tempo.
Zia Maddy, è stramba proprio come me l'ero immaginata, mentre il bimbo che era figlio del Dottore, è diventato parente del nonno, non so perchè. E certo che il bacio ce l'hanno fatto proprio sospirare eh! Ogni volta i due venivano interrotti da qualcuno! Il personaggio di James Pimplebottom, l'ho trovato abbastanza ridicolo, sembrava semplicemente un travestito e non un Sir. d'altri tempi... quasi quasi eliminarlo, sarebbe stato meglio.
Insomma, a certi particolari sarei stata molto più attenta, non ho compreso il motivo per cui  gli sceneggiatori hanno fatto di testa loro, cambiando così tanti dettagli.
Anche i costumi, me li immaginavo molto più sontuosi ed eleganti (a proposito, Madame Rossini, non era mica grassa?), anche l'ultimo, che Gwendolyn indossa al ballo scolastico, ho trovato che non mettesse abbastanza in risalto la bellezza dell'attrice.

Personalmente, ho un amore viscerale per la città di Londra, e forse è uno dei motivi in più per cui ho amato così tanto questa trilogia, quindi avrei sfruttato maggiormente il fascino della città, con qualche ripresa in più della capitale. Spero che nel prossimo film, sappiano valorizzare meglio la bellezza di Londra, che senz'altro non nuocerebbe alla riuscita del film.
Bisogna anche tenere conto del fatto che, essendo la pellicola prodotta in Germania, inutile negare che, i mezzi che ha l'America, qui in Europa, noi ancora non li abbiamo, perciò il livello, non è quello che mi aspettavo.

Per quanto riguarda gli attori, Maria Ehrich, la ragazza che interpreta Gwendolyn, mi è piaciuta molto. Interpreta bene la determinazione e anche la voglia di perseguire gli obiettivi a modo suo, che caratterizza il personaggio. L'ho trovata carinissima, con il suo aspetto acqua e sapone, sia prima, che dopo la “trasformazione”di Madame Rossini (io non ho trovato poi tutta questa differenza!).
Jannis Niewohner invece, l'attore che interpreta il giovane Gideon De Villers, come ho già accennato all'inizio, ha il solo  difetto di portare i capelli troppo lunghi per i miei gusti. Per il resto, trovo che interpreti bene il carattere di Gideon, inizialmente freddo e distaccato nei confronti della ragazza, e poi via, via più comprensivo.

Nonostante tutto questo, vi sembrerò matta, ma nel complesso, il film mi è piaciuto. E' carino. Leggero. Un modo per passare 120 minuti piacevolmente. Certo, un pò di delusione c'è stata, ma non lo boccio.
Insomma, non mi aspettavo certo un capolavoro, ma qualcosa di più si. Il livello non è eccezionale, e il regista non ha saputo sfruttare appieno la storia, concentrandosi anzi, su piccoli cambiamenti che io avrei assolutamente evitato. 
Speriamo vada meglio il secondo film, ho ancora speranza!

Valutazione:






9 commenti:

  1. A me purtroppo la trilogia della Gier (anzi, i primi due libri, visto che "Green" ancora mi manca) non ha mai convinto troppo, quindi non ho visto il film... un giorno, però, chissà! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà, anche a me il primo non aveva fatto impazzire, ma ho deciso di continuare la trilogia e non me ne sono pentita perchè gli altri due mi sono piaciuti molto di più! :)

      Elimina
  2. Ho letto i libri e li ho trovati davvero carini, per cui appena posso vedrò il film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, allora poi fammi sapere che ne pensi :D

      Elimina
  3. Bè, Gideon nei libri ha proprio i capelli lunghi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, ma non mi convince!
      Comunque ho visto foto del set del secondo film, e pare che li abbia corti...vedremo!! xD

      Elimina
    2. Ah, una cosa, sono io che sono fuori di testa (è passato un pò da quando ho letto i libri) o Leslie nei romanzi non era di colore?! xD

      Elimina
    3. Meglio così, perché il codino è terrificante xD
      Oddio, che io ricordi no, ma potrei sbagliare O_O

      Elimina
  4. Io non ho letto la saga...ma il film l'ho visto, e non mi ha convinta molto...insomma, ho capito ben poco xD

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)