Monthly Recap

Monthly Recap #6

30.6.15


Eccoci giunti al termine del mese di giugno...siete pronti per partire? Dove andrete di bello? Raccontarmi! Io per quest'anno mi dovrò accontentare di qualche settimana in montagna, dove ho la casa ma spero comunque di poter fare qualche "gita" tanto per cambiare un po' aria,  e panorama xD
LIBRI
Questo mese, ho letto sicuramente di più che nel mese di maggio, e devo dire che posso ritenermi più che soddisfatta, visto che la maggior parte delle letture sono state in lingua!
Vi ho parlato di Il mio ultimo bacio (♥♥♥) che purtroppo non ha superato le mie aspettative,  e poi ho finito la serie della Perkins,  con Lola and the boy next door (♥♥♥♥/ e mezzo) e Isla and the happily ever after  (♥♥♥♥/ e mezzo). Ho concluso anche Ps. I still love you della Han, ma di quello vi parlerò prossimamente, e in questi giorni sto leggendo Regina Rossa.

FILM & TELEFILM

Per quanto riguarda i telefilm, invece, vi ho parlato di The Vampire Diaries e The Originals in questo post, entrambi più soddisfacenti rispetto le stagioni passate, e poi ho recensito anche le ultime stagioni di Bates Motel, Reign e How get away with a murder in questo post.
Purtroppo non sono riuscita a vedere nessun bel film questo mese anche se ho in programma di rivedere Colpa delle stelle, che stanno trasmettendo su Sky in questi giorni, e vorrei vedere anche Tomorrowland e La risposta è nelle stelle.
Ah, quasi dimenticavo! Ieri è ricominciato Teen Wolf!!!! Non vedo l'ora di vedere la puntata *__*

VARIE ED EVENTUALI!
Questo mese, ho deciso di partecipare alla Summer Reading Challenge di cui vi ho parlato in questo post e con Lola and the boy next door, ho completato il punto numero 4 (un libro facente parte di una serie) e con Ps i still love you il punto 6 (uno degli ultimi libri comprati), quindi per ora sono a 2 su 10 obiettivi :)

Vi lascio con un immagine della bellissima Scozia, in cui sto fantasticando di andare il prossimo anno!

English Book

Isla and the Happily Ever After

25.6.15

Titolo: Isla and the Happily Ever After (inedito in Italia)
Autore: Stephan Perkins

Trama:
Isla ha una cotta per Josh sin dal loro primo anno di liceo nella School of America di Parigi.

Dopo averlo incontrato per caso in un café di Manhattan, qualcosa potrebbe nascere tra di loro anche prima di quanto Isla si aspetti.
Ma non appena i due cominciano il loro ultimo anno di liceo in Francia, Isla e Josh devono scontrarsi con le difficoltà che tutte le giovani coppie sono costrette ad affrontare, compresi i problemi familiari, le incertezze sul loro futuro al college e la possibilità di essere divisi.

Il loro viaggio romantico è abilmente intrecciato a quello di Anna e Etienne, e Lola e Cricket, i cui cammini sono destinati ad incrociarsi in un impetuoso finale che soddisferà i nuovi e i vecchi fan.

Recensione:
Terzo e ultimo volume della serie di Stephanie Perkins.
Questa volta,  i protagonisti sono Isla e Josh, la prima solamente citata nel primo libro, mentre Josh era l'amico di St. Clair e quindi parte più attiva nella storia. Sinceramente, però, non avevo fatto caso più di tanto a lui nel primo libro,  il fascino ammaliante di St. Clair, l'aveva senza dubbio messo in ombra,  ma in questo libro,  ha tutto lo spazio che si merita. In realtà è un personaggio molto interessante, la sua passione per l'arte e il disegno, che vediamo anche nel primo volume, qui è un po' al centro della storia, ma soprattutto della sua vita. Il suo talento è qualcosa di portentoso e assolutamente straordinario, ma soprattutto la passione che ci mette nella sua arte, è davvero significativa. Anche la sua forte amicizia con Etienne, è una cosa che mi è piaciuta moltissimo, hanno un legame molto forte e bello, nonostante lo stesso Josh, ammetta di essersi sentito a volte messo in ombra, dal carisma dell'amico.
Isla, protagonista femminile, mi è piaciuta come personaggio,  è la tipica ragazza seria e studiosa, spesso incompresa è la figlia di mezzo, in una famiglia con tre figlie, e non ha mai infranto le regole. Ma da quando è arrivata a Parigi, una cosa è rimasta immutata, ovvero la sua mega cotta per Josh. Approfondendo bene il personaggio di Josh, capisco come mai Isla possa essersene innamorata, la cosa che non ho capito, e che mi è parsa strana, è che lei non ha particolari problemi ad approcciarsi a lui nel primo incontro del libro,  quindi, come mai non farlo prima un passo avanti? Okay, lui era impegnato, ma per tenersi dentro per tre anni un sentimento così forte, me la sarei aspettata molto più timida e riservata, come personaggio.

A parte questo, i due insieme sono molto carini, una coppia tenerissima, nonostante gli alti e i bassi, che non mancano di certo.
Ancora una volta, la Perkins ha saputo stupirmi, ancora una volta, con le sue parole è riuscita a ricamare una storia che assume contorni magici, con il suo stile poetico, fresco e sentimentale,  crea una storia romantica e tratteggia personaggi capaci di fare breccia nel cuore di chi si immerge nella storia.
Ritornano tutti i personaggi che abbiamo conosciuto precedentemente, Anna, St. Clair e Meredith, e poi Cricket e Lola. In particolare, i primi due , non perdono il loro smalto, e continuano a coltivare un sentimento indissolubile,  prova di un amore potente e difficile da spezzare, che continua nonostante tutto. I personaggi della Perkins, hanno tutte caratteristiche differenti, a parte la fortuna sfacciata di aver trovato la loro metà perfetta. Giovani, eppure abbastanza maturi da riuscire a superare difficoltà e barriere,  ad accettare i propri limiti, i difetti, e a rimanere se stessi. Ma non solo l'autrice riesce a creare delle storie così particolari,  dolci e coinvolgenti, capaci di scioglierci, ma ci fa fare anche il giro del mondo, portandoci a Parigi, a Barcellona e a Manahttan donandoci piccoli scorci di ognuna di queste meravigliose città.
La sua scrittura, è anche questa volta, facilmente comprensibile, quindi è perfetto da leggere in lingua, anche se, naturalmente spero che venga tradotto in italiano insieme a Lola and the boy Next door, perché tutti meritano di perdersi in una storia così romanticamente perfetta.

Valutazione:♥♥♥♥/ e mezzo
Difficoltà in lingua: medio-facile



English Book

English books on my wishlist #16

23.6.15



Rubrica a cadenza casuale in cui vi mostro le mie nuove scoperte libresche in lingua inglese.
Buongiorno lettori, come state?
Io oggi sono particolarmente felice, perchè stasera proseguono gli episodi di Once Upon a Time! Si, lo so che sono in super ritardo, ma è una delle poche serie che seguo in italiano, perciò mi toccherà districarmi tra quello, e l'ultima puntata di The Flash!
Comunque, tornando a noi, nella puntata di oggi, di Engish Books on my wishlist, due libri dalle trame molto interessanti, e dalla cover (come sempre) magnifiche, anche se diversissime nei colori! :)
E voi, quale preferite?

Titolo: The art of disappearing
Autore: Elena Perez

Trama:
Questo è un avvincente romanzo d'esordio che narra la storia di Delia Dark. Delia non è una ragazza comune, infatti possiede un dono. Il dono della predizione/premonizione. Un giorno la ragazza ha una visione nella quale assiste alla raccapricciante morte di un suo compagno di classe.  Delia non vuole diventare un'emarginata. Riuscirà a ignorare il suo incredibile dono?









Titolo: The Winter People
Autore: Rebekah L. Purdy

Trama:
Salome Montgomery ha paura dell'inverno - il freddo, la neve, il ghiaccio, ma più di tutto, lo stagno gelato in cui è caduta da bambina. Perseguitata dalle voci  e dalle immagini di quegli strani esseri che l'hanno salvata, non ha dimenticato il loro avvertimento di "stare lontana". Per undici anni è stata lontana dai boschi in inverno, lo stagno e l'oscurità che  vive vicino. Ma quando una malattia porta i suoi nonni in Arizona, Salome viene incaricata di occuparsi della villa. Questo include i "regali speciali" che devono essere lasciati sul retro.

Salome scopre di essere una delle chiavi in un mondo a cui ha cercato di stare lontana per anni. Al centro di questo mondo c'è lo strano e bellissimo Nevin, che trova quando oltrepassa i confini della sua proprietà. Maledetto da segreti oscuri e dalla conoscenza delle creature nel bosco,, le sue interazioni con Salome portano la vita della ragazza in una nuova direzione. Una direzione in cui lei dovrà decidere tra la sua cotta di  sempre per Colton,che potrebbe curare la sua paura dell'inverno, o Nevin che insieme al suo bodyguard, Gareth, la protegge dall'oscurità che si muove nel paesaggio innevato. Un'oscurità che, data l'occasione, la ucciderebbe.


web survey

Recensioni telefilm

The Originals, The Vampire Diaries

21.6.15

Buona domenica lettori, continuano le recensioni dei telefilm, per oggi infatti vi ho preparato un breve post, con le mie opinioni, alle ultime stagioni di The Vampire Diaries e The Originals.
E nei prossimi giorni, vi parlerò di Arrow e The Flash!

THE ORIGINALS (stagione 2)
Ho trovato questa stagione, molto più entusiasmante rispetto alla prima, che avevo trovato troppo ripetitiva, e alla fine anche un po' noiosa, tanto che, avevo pensato di smettere di seguirla. Ma poi, ho scoperto che Daniel Sharman era entrato nel cast, quindi, potevo forse perdermelo? Ovviamente no, visto che sono rimasta orfana di Isaac in Teen Wolf :( La sua presenza, quindi, mi ha incentivato a continuare la serie, e devo dire che non me ne sono pentita. A parte il suo personaggio che, nonostante tutto, mi è piaciuto molto, ho trovato tutta la storia,  molto interessante.

Succedono parecchie cose, parenti odiati, parenti ritrovati, parenti scoperti per caso, o addirittura scambiati, insomma, la famiglia è sempre stata il fulcro della storia di Klaus e Co, che, in modi alquanto brutali e discutibili, fanno tutto ciò che fanno, proprio spinti dal sentimento per la famiglia. Anche se lo dimostrano in modi tutt'altro che normali xD
Klaus, continua a mostrare numerose sfaccettature, e l'attore che lo interpreta, è davvero bravo a dare il volto a questo personaggio, non certo semplice da interpretare. In queste puntate, lo vediamo nei panni di padre amorevole  (si fa per dire), e protettivo (in modo assurdo), e questo dimostra ancora una volta, che sotto la sua scorza dura e crudele, riesce ancora a tenere a qualcuno. In the Vampire Diaries,  e poi qui nella prima stagione, abbiamo visto numerosi cambiamenti nel suo personaggio, ma nonostante tutto, riesce ancora a rivoluzionarsi,  e penso che questo sia uno dei punti forte della serie.
Ho apprezzato l'avvicinamento di Hayley  verso i lupi, l'ho trovato giusto e sensato, dopo tutta la fatica fatta nella ricerca della famiglia, mentre non ho apprezzato moltissimo il "cambio" di Rebekah, anche se alla fine ci ho fatto l'abitudine.
Valutazione: ♥♥♥/ e mezzo


THE VAMPIRE DIARIES (stagione 6)
Dopo la quinta stagione disastrosissima, in questi episodi, la serie si è ripresa un po' a mio parere, nonostante la ripetitività. Insomma, quanto è pallosa e monotona la vita di Bonnie? Oramai è tornata dall'aldilà  tipo 3000 volte! Mi è piaciuto però il suo avvicinamento a Damon,  nell'universo parallelo/inferno e ho trovato fortissimo (e letale) il personaggio di Kai. Sprecati Caroline, ed Enzo (lui soprattutto), che non hanno lo spazio che meritano, anche se su Caroline ci si concentra di più, dopo il dramma che la tocca. Stessa cosa per Matt e Tyler,  che hanno un ruolo davvero marginale e quasi ridicolo, a che pro, farli rimanere per tutte queste stagioni,  se poi i loro personaggi sono così sottovalutati?  Secondo me dovrebbero rivoluzionare completamente la loro storyline dar loro maggiore spazio, o eliminarli del tutto!  Le ultime puntate, sono state particolarmente interessanti, tanto che ero curiosissima di vederle, cosa che, con questo telefilm, non mi succedeva più da due o tre stagioni. Avevo già letto dell'uscita di scena di Nina Dobrev,  e avevo già intuito come sarebbe finita la stagione anche se in realtà non va proprio come avevo immaginato. Non so, sinceramente, come possa andare avanti il telefilm senza Elena, perché nonostante il titolo, il telefilm si è sempre concentrato più che altro su di lei, che era la vera protagonista.  Chissà, magari senza il triangolo amoroso, il telefilm ci sorprenderà maggiormente nella prossima stagione, oppure affonderà miseramente! E vista la determinazione delle fan Delena/Stelena, sono abbastanza incerta sul futuro della serie.
Capisco però benissimo la scelta della Dobrev, che dopo tutti questi anni voglia scrollarsi di dosso le vesti di Elena, per dedicarsi ad altri progetti. Anche perché, diciamocelo, quanti drammi le sono capitati in tutte queste puntate? Un po' di pace se la merita, questa povera Elena!
Valutazione: ♥♥♥


English Book

Lola and the boy next door

19.6.15

Hola a tutti, come state?
So che molti di voi probabilmente saranno alle prese con la maturità ed esami vari in questi giorni, quindi io vi auguro un enorme in bocca al licantropo!
Oggi vi parlo di Lola and the Boy Next Door, nonostante all'inizio la lettura andasse un po' a rilento, una volta preso il ritmo giusto, sono riuscita a finirlo in breve tempo.
E anche questa volta, la Perkins non mi ha delusa :)


Titolo: Lola and the boy next door (inedito in Italia)
Autore: Stephanie  Perkins
Editore: Speak

Trama:
La stilista per passione Lola Nolan non crede nella moda... crede nei costumi. Più sono espressivi, brillanti, divertenti, selvaggi, meglio è. Ma anche se Lola veste in modo scandaloso, rimane comunque una figlia devota e un'amica con dei grandi piani per il futuro. E tutto è abbastanza perfetto (persino il suo ragazzo rocker) finché i gemelli Bell, Calliope e Cricket, non fanno ritorno nel vicinato.
E quando Cricket-un inventore di talento-esce fuori dall'ombra della sua gemella e torna nella vita di Lola, lei dovrà finalmente riconciliare tutti i sentimenti che ha sempre provato per il ragazzo della porta accanto.



Recensione:
Seguito, non strettamente collegato, di Anna and the french kiss/Il primo bacio a Parigi.
Ho deciso di recuperare l'intera serie in lingua della Perkins, dopo che avevo stra-adorato il primo, sia perché trovo che le cover siano davvero carine, luminose e allegre (e quindi dovevo per forza averle nella mia libreria), e sia nella speranza di poter fare delle letture leggere e facili in inglese, ma al tempo stesso anche coinvolgenti.
Mi avevano consigliato i libri della Perkins, proprio tra quelli ideali per i primi approcci nella lettura in inglese, e in effetti, questo secondo libro (il primo l'ho letto solo in italiano per il momento), non l'ho trovato particolarmente complicato da capire.
I pareri su Lola and the boy next door, erano abbastanza discordanti, c'era chi l'aveva adorato, anche più del primo,  e chi invece non lo reputava assolutamente all'altezza. Personalmente, l'ho trovato molto, molto bello, anche se è difficile superare  il primo libro, sarà che St. Clair è un personaggio difficilissimo da dimenticare xD
Divertente e frizzante, con uno stile fresco, scorrevole ed energico,  proprio come nel primo libro, l'autrice è stata sublime nel raccontare con tanta passione questa storia che, a primo avviso, poteva rivelarsi molto banale.
Lola, come dice la trama, ha una personalità ed un modo di vestire, piuttosto eccentrico, adora tutto ciò che è vistoso e colorato adora il suo fidanzato, un musicista rock, e le piacerebbe che anche i suoi due papà, riuscissero ad accettarlo. Ha una situazione familiare un po' difficile, ma la sua vita scorre abbastanza liscia, almeno fino a che, nella casa accanto, ritorna la famiglia Bell, che lei ha giurato di non voler rivedere mai più. I gemelli Bell, Calliope e Cricket, infatti, in passato hanno distrutto la vita di Lola, facendola soffrire così tanto, da non riuscire più a sopportarli...ma le cose non saranno così semplici, essendo vicini di casa!
Lola è un personaggio davvero originale,  il suo modo di vestire la caratterizza molto, e la sua famiglia,  alquanto atipica, è il suo punto di forza.  Proprio questa sua espressività, il suo spirito libero, la rendono agli occhi degli altri, stramba, diversa, e in pochi riescono ad accettarla, e ciò le crea qualche problema, nella vita di tutti i giorni. Il suo fidanzato Max, però, talentuoso rock e,  conosciuto per caso, sembra accettarla, ma soprattutto amarla così com'è, e questo la fa sentire molto speciale, anche se i suoi genitori, faticano ad accettare questo rapporto.


“Come fate tu e Anna a far funzionare la vostra relazione? Lo fate sembrare così semplice.”
“Stare con Anna è semplice. Lei è quella giusta.”
Quella giusta.

Pur essendo un amante dei musicisti (se non sposerò Josh Hutcherson, sposerò sicuramente un cantante/chitarrista/batterista *_*), il personaggio di Max, non mi ha catturata per niente, Cricket invece, arriva quasi vicino ad eguagliare il fascino di St. Clair, anche se i due sono molto diversi tra loro. Cricket è un inventore, e questo fa di lui un nerd per gli altri, così, anche lui come Lola, si sente un pesce fuori d'acqua in mezzo alle persone, si sente giudicato Anche per questo, è legatissimo a Calliope, la sua gemella, nonché famosissima campionessa di pattinaggio sul ghiaccio.  La carriera della sorella ha sempre condizionato un po' la vita di Cricket, con i continui viaggi e i trasferimenti. Lui però, oltre che molto intelligente,  è anche un personaggio così dolce, che non si può fare a meno di adorarlo!

Anche questa volta, il modo di raccontare della Perkins, è un faro per la storia, il suo stile semplice, ma allo stesso tempo ricco, diretto e sentimentale,  riesce a far arrivare il romanzo, dritto al cuore del lettore.
Rispetto ad Anna and the french kiss, qui vengono sviluppati altri temi, più importanti, come l'omosessualità, e soprattutto l'accettazione e l'affermazione di se stessi, del proprio carattere e della propria personalità. Anche se agli occhi degli altri ci fa sentire sbagliati, secondo me, non c'è niente di peggio di annullare sé stessi, per conformarsi con gli altri.
È proprio questo che mi piace del personaggio di Lola, il non volersi nascondere, e della sua famiglia, l'accettarla senza se e senza ma. I suoi due padri, simpaticissimi,  riescono a vivacizzare molto la storia.
Ci sono dei passaggi particolarmente carini e romantici, e assieme al finale, super emozionante, impreziosiscono ancor di più il libro.

"So che non sei perfetta. Ma sono le imperfezioni di una persona a renderle perfette per qualcun altro."

Valutazione:
♥♥♥♥/ e mezzo

Livello di difficoltà in lingua: Facile



Note musicali dal Baule

Note musicali dal baule #35

18.6.15


Vista la mia folle passione per la musica, come si può benissimo constatare QUA, non potevo non creare una rubrica in tema!
"Note musicali dal baule" è una rubrica senza cadenza fissa, in cui vi posterò le mie canzoni preferite, le nuove scoperte, vi presenterò alcuni artisti...
Se volete lasciare tra i commenti i titoli delle canzoni che VOI amate di più, i vostri cantanti preferiti, o consigliarmi qualche canzone, fate pure! Non sono mai sazia di musica, quindi ogni nuova scoperta mi rende felice :)
Ma buongiorno!
Per oggi, torna l'appuntamento, con la rubrica musicale del Baule, e per questa volta, ho scelto solo artisti nostrani :)
E voi, cosa ascoltate di bello in questo periodo?






Anteprima

Novità in libreria

17.6.15

Titolo: L'ultima volta che ti ho detto addio
Autrice: Cynthia Hand
Editore: Harlequin Mondadori
Data di uscita: 16 Giugno 2015
Prezzo: 14,90

Trama:
Lexie Rigs è un genio della matematica tutto per lei è rigorosamente razionale, così quando inizia a percepire in casa segni della presenza del fratello - da poco scomparso - non riesce a confidarsi con nessuno.
Di certo non lo può dire a sua madre, già convinta che Tyler sia con loro. Non può raccontarlo alle amiche nerd come lei, perché la prenderebbero per pazza. Non può lasciarselo scappare nemmeno con il suo psicanalista: non vuole certo finire imbottita di farmaci.
Alla fine, lo confida alla vecchia amica e vicina di casa, Sadie, che non si scompone minimamente di fronte a quell'assurdità,e anzi la aiuta a capire che cosa potrebbe volere Tyler da lei, se davvero si trattasse di lui.
Inizia così per Lexie una sorta di viaggio nelle ultime ore del fratello, e ogni tassello del mistero che circonda la sua morte trova piano piano il suo posto. Così Lexie capisce che un fantasma non deve per forza essere vero per impedirti di andare avanti. E ora è il momento di andare avanti.

Titolo: Vorrei che l'amore avesse i tuoi occhi
Autore: Diego Caldino
Editore: Sperling & Kupfer 
Data di pubblicazione: 16 Giugno 2015 
Pagine: 248
Prezzo: 17,90 

Trama:
Abbarbicata com'è all'antica cinta muraria della Rocca, la casa dei Ferretti è l'invidia di tutti gli abitanti di Cetona, uno splendido borgo immerso nella tranquilla campagna senese. Dalle sue finestre si può ammirare l'intero paese disteso ai suoi piedi, con le case bianchissime e i tetti marroni, la vallata e l'imponente sagoma del Monte Cetona, che sembra così vicina da poter sfiorare la sua vetta con un dito. Sofia e la sua famiglia vivono lì da sempre. Ma, a un passo dall'estate, la bucolica quiete di quelle mura è bruscamente interrotta dall'arrivo di un ospite speciale. Un famoso pittore australiano, Tyron Lane, che ha scelto quelle incantevoli colline come soggetto per i propri quadri. La sua fama di uomo affascinante ma molto schivo, solitario e inquieto lo precede e in paese non si parla d'altro. C'è chi non sopporta i suoi modi asciutti e sbrigativi, chi ne difende il diritto alla privacy, chi è convinto che in fondo tutta quella ritrosia sia di facciata. E poi c'è Sofia che, dopo un primo e fugace momento di ammirazione, ha deciso di non lasciargliene passare nemmeno una. Perché per lei, così solare, istintiva e piena di vita, quell'artista non è riservato ma solo un gran insolente. A casa Ferretti sono tempi duri, e le schermaglie all'ordine del giorno. Tyron e Sofia sembrano appartenere a due mondi diversi. Eppure il loro incontro regalerà a entrambi quello che da tempo stavano cercando: la possibilità di guardare, ancora una volta, l'amore negli occhi.

Titolo: La ragazza che cuciva lettere d'amore
Autore: Liz Trenow
Editore: Tre60
Data di uscita: 25 giugno 2015
Pagine: 348
Prezzo: 14,90

Trama:
LONDRA, 1914. Maria, una ragazza di umili origini, lavora come sarta a Buckingham Palace. Giovane e attraente, viene notata dal principe Edward, che si innamora follemente di lei. Ma la loro passione è destinata a scontrarsi con la dura realtà...
LONDRA, 2010.Mettendo ordine nella soffitta della casa materna, Caroline scopre una magnifica coperta di seta. E le sorprese non sono finite: quella coperta risale infatti agli anni ’20 ed è stata cucita, con grandissima abilità, nientemeno che nella sartoria di Buckingham Palace. Ma perché si trova lì? E perché gli intricatissimi ricami sembrano disposti in modo da suggerire un messaggio? Determinata a svelare il mistero, Caroline inizia a indagare… 

Titolo: Se non fossi tu
Autore: Jemma Forte
Editore: Harlequin Mondadori
Data di uscita: 16 giugno 2015

Trama:
Dopo un vano tentativo di seduzione nei confronti del marito Max, da cui ultimamente si sente trascurata, Jennifer Wright esce di casa in preda all'agitazione. Deve assolutamente andare dalla sua migliore amica. Indossa solo lingerie e un soprabito, è sconvolta, non presta sufficiente attenzione alla strada e... Viene investita da un'auto.
Finisce in coma all'ospedale, e forse era proprio quello che ci voleva per rimettere ordine nei suoi pensieri. Durante il coma, infatti, fa esperienza di come sarebbe stata la sua vita se in passato avesse preso decisioni diverse.
Che cosa sarebbe stato di lei se nel 1994 avesse seguito quel gran figo di Aidan in Australia?
E se nel 1997 non avesse mollato Tim, genio del computer, che si sarebbe arricchito grazie a una sua invenzione da nerd?
E che dire di Steve, il bravo ragazzo, che nella realtà ha lasciato per quello che sarebbe diventato poi suo marito?
Tre possibilità fino a quel momento inesplorate che le faranno capire con chiarezza chi è Jennifer Wrigth e che cosa dovrà fare per riconquistare la felicità perduta.

Tag

Cofee Book Tag

16.6.15

Buongiorno lettori del Baule, come state?
Per oggi, ho preparato un tag veloce veloce, il Coffee Book Tag, che avevo trovato tempo fa (tanto tempo fa!) su La Tana di una Booklover, ma che non ero ancora riuscita a fare!
Come al solito, siete taggati tutti, e se vi va di farlo, potete lasciarmi i link dei vostri post nei commenti :)

NERO 
Una serie difficile da iniziare ma con fans sfegatati
Da una parte darei curiosissima di leggere la serie di George R.R. Martin, anche perchè la serie (che devo ancora iniziare), sta avendo un successo clamoroso, ma dall'altra parte, ho paura che non faccia per me, quindi per il momento, continuo a rimandare.
I fans sfegatati, a questa serie, non mancano di certo eh!

PEPPERMINT MOCHA 
Un libro che diventa più popolare durante l'inverno o i periodi di festa
Harry Potter è sempre di moda, ma durante il periodo Natalizio, è ancora più bello perdersi nella magia delle sue pagine *-*

CIOCCOLATA CALDA 
Il tuo libro per bambini preferito
Mmh, ce ne sono parecchi, ma Piccoli Brividi sono tra i miei preferiti! Li adoravo tantissimo, ho letto tutti quelli che c'erano nella mia biblioteca (tipo una quarantina), ne ho qualcuno, me li facevo prestare dalle mie amiche, guardavo gli episodi in tv...insomma, ero proprio un'appassionata!

 ESPRESSO DOPPIO 
Un libro che ti ha tenuto incollato alle pagine dall'inizio alla fine
Ce ne sono un po' (fortunatamente), ma il primo che mi è venuto in mente, è stato Tiger Lily.
Purtroppo fino ad ora inedito in Italia, è una romanzo meraviglioso, che mi ha letteralmente conquistata pian piano e che consiglio assolutamente a tutti.

STARBUCKS 
Un libro che vedi ovunque
The Winner's Curse, ha una cover così meravigliosa che, mi ha attirata fin da subito, e infatti continuo a vederlo in giro, e a leggerne recensioni positivissime, quindi sono davvero curiosissima di leggerlo!

OOOPS! PER SBAGLIO HO PRESO UN DECAFFEINATO! 
Un libro dal quale ti aspettavi di più
Ripensando al più recente, direi La fabbrica delle meraviglie, per cui avevo grandissime aspettative, ma purtroppo mi ha deluso un po'.
Spero in meglio per il secondo volume!

MISCELA PERFETTA 
Un libro o una serie che è stata sia amara che dolce, ma alla fine soddisfacente
Lo cito quasi sempre, lo so, ma Una grande e terribile bellezza è una delle mie serie preferite, e la risposta perfetta per questa categoria. Una trilogia dolce-amara (soprattutto la fine ç_ç), ma comunque straordinaria.

Random

Summer Reading Challenge!

14.6.15

Non partecipo mai alle Challenge, ma quella di Charlie, del blog Who is Charlie? era così carina, che ho deciso di provarci!
Ecco gli obiettivi, e le mie scelte, che sono al 90% sicura, cambieranno in corso d'opera:

1. un libro che ricorda l'estate: copertina, titolo o trama, vedete voi.  --> Un amore sotto le stelle
2. un libro che faccia parte della tua comfort zone: la comfort zone è quel posto in cui ti senti a tuo agio, può essere un autore, un genere letterario o magari anche un libro che ti fa sentire a "casa" - valgono le riletture. --> The Program perchè mi incuriosisce tantissimo, e il genere distopico è un po' la mia comfort zone xD
3. un libro con un protagonista maschile: ora come ora abbiamo sempre delle ragazze come eroine della storia, è ora che qualche maschietto si dia da fare e dimostri che anche gli uomini sanno il fatto loro! --> Aristotle and Dante discover the secrets of the Universe se riesco a recuperarlo, ma soprattutto se non è troppo incomprensibile!
4. un libro facente parte di una saga: trilogie, saghe che fanno concorrenza alla Divina Commedia, duologie, eccetera. E' ora di terminare una saga o perchè no, cominciarne una nuova! --> Lola and the boy next door
5. un libro scelto da qualcun altro: invitate qualcuno a scegliere un libro dalla vostra libreria e leggetelo senza obiettare, può essere anche un libro che qualcuno ha scelto per voi e ve lo ha regalato. --> Wonder che mi hanno regalato alla giornata del libro xD
6. uno degli ultimi libri acquistati: se siete come me avete una TBR infinita e nonostante questo continuate ad acquistare libri che magari vi proponete di leggere al più presto e poi rimangono a prendere la polvere per secoli. Quindi prendete uno dei vostri ultimi acquisti e leggete! --> Ps: i still love you che ho appena preso in ebook, e sono curiosissima di leggerlo, visto che il primo l'avevo trovato carinissimo.
7. "Qualcosa di sinistro sta per accadere": ho letto questa frase in un libro e mi ha colpito. Può essere un libro giallo, un thriller o anche un romanzo di altro genere con un colpo di scena inaspettato! --> Una brava ragazza, ma su questo sono un po' indecisa.
8. un libro che contenga il vostro colore preferito: può essere nella copertina o nel titolo del libro (es. Green per il verde) --> Red Queen
9. un libro di un autore/autrice italiano/a: siamo italiani, per Giove, quindi perchè non supportare i nostri autori? --> In silenzio nel tuo cuore, di Alice Renucci...forse! Anche su questo sono indecisa. 
10. "Un numero, una lettera, un libro": scegliete un numero da 1 a 26. Fatto? Non barate! Okay, ora vediamo a quale lettera dell'alfabeto inglese corrisponde (es. numero 5 sta per la lettera E) e scegliamo un libro il cui titolo o autore abbia questa iniziale (es. Emma di Jane Austen). --> Mi è uscita fuori la N, quindi direi Nessuno è come te della Anderson, ma pure qua,  potrei benissimo cambiare idea! xD


Se volete partecipare, trovate tutte le informazioni qua.

Che dite, c'è la posso fare? Vi terrò aggiornati  :)

Newton Compton

Il mio ultimo bacio

13.6.15

Titolo: Il mio ultimo bacio
Autore: Bethany Neal
Editore: Newton  Compton
Anno: 2015
Pagine: 335
Prezzo: 9,90

Trama:
Cassidy Haines ricorda perfettamente il suo primo bacio. A darglielo era stato il suo grande amore, Ethan Keys, durante la prima estate del liceo. Invece il ricordo del suo ultimo bacio, alla festa per il suo diciassettesimo compleanno, la sera della sua morte è molto confuso. Da quel momento Cassidy è rimasta sospesa tra il mondo dei vivi e quello dei defunti, con il doloroso sospetto che la sua prematura fine non sia dovuta a un suicidio, come tutti credono, ma a un omicidio... Eppure non riesce a ricordare nulla della settimana precedente alla sua morte e per scoprire la verità sulla notte fatale dovrà analizzare il suo passato, con l'aiuto di Ethan, l'unico in grado di vederla anche da fantasma e ripensare a tutte le scelte, giuste o sbagliate, che l'hanno portata a quell'ultimo, dolce, tristissimo bacio.

Recensione:
È dallo scorso anno, quando iniziavo appena ad interessarmi ai libri in lingua, che avevo adocchiato questo libro. Mi aveva colpito la bellissima cover,  così particolare, con il volto della ragazza "scheggiato" (non saprei in che altro modo definirlo), il font e poi la trama. Dall'anteprima che avevo letto sull'e-reader, sembrava avere ottime premesse, anche se forse era un po' troppo complessa la lettura  in lingua per la sottoscritta, così l'avevo accantonato.
Non potete la mia gioia immensa nello scoprire che stava per uscire tradotto e che per di più, miracolo dei miracoli, avevano mantenuta la copertina originale! Beh, forse tutto questo, ed in più l'anno di attesa, hanno fatto sì che nutrissi delle aspettative davvero altissime per questo libro, e perciò ne sono rimasta scottata.
La lettura de Il mio ultimo bacio è andata piuttosto a rilento, sia per il poco tempo, ma soprattutto perché non mi trovavo coinvolta più di tanto, come invece avevo sperato.
I primi capitoli, in realtà, erano stati capaci di conquistarsi,  ed incuriosirmi, ma poi, man mano che proseguiva,  la mia attenzione è andata scemando e ho iniziato a trovare il tutto alquanto assurdo.
non tanto il tema, già trovato in altri libri, ma proprio il modo in cui viene affrontato. Per esempio, l'atteggiamento della protagonista, nei confronti della sua nuova veste da fantasma, che non si capisce se accetti o meno la cosa, come faccia ad accettarla talmente in fretta, e spesso a riderci su. Per non parlare del fatto, che ripete un po' troppo spesso determinate cose, e queste continue ripetizioni, nei libri, mi stancano sempre. Anche Ethan,  per cui speravo di fangirlare  avidamente è un personaggio abbastanza asciutto, non mi ha colpito più di tanto, e anzi,  ho trovato abbastanza ambiguo e strano il suo modo di accettare la "situazione" come se niente fosse.
Non mi sono trovata coinvolta emotivamente dal romanzo,  ci ho trovato poco sentimento, piuttosto freddo, o almeno, io, tutto questo grande amore non l'ho sentito, non mi è sembrato vero.
Per non parlare della parte thriller, che prometteva grandi cose, un grande mistero, la suspense,  i colpi di scena, e poi. ..si è rivelato essere non chissà cosa, o meglio, non questo finale strepitoso e sorprendente che credevo, e speravo.
Sulla scrittura dell'autrice, nulla da dire, è fluente, scorrevole e corretta. I personaggi sono caratterizzati adeguatamente, e i capitoli si alternano tra presente e passato-flashback.  È un buon esordio, ma non così superlativo come la (maledetta) fascetta gialla (bugiarda come al solito), vuole farci credere
Nel complesso carino, ma si poteva fare di meglio, molto meglio.

Valutazione:
♥♥♥

Recensioni telefilm

Bates Motel, Reign e How get away with a murder

13.6.15

Come sapete,  io amo tantissimo i telefilm, e vorrei spendere parole e parole per ogni serie TV che guardo. Purtroppo però, seguendone parecchie,  avendo poco tempo, e con il fatto che terminano anche tutte nello stesso periodo (maggio mese degli addii), non riesco a fare una singola recensione per ogni telefilm, come vorrei.  Vi dovrete accontentare,  perciò di alcuni post con dei brevi pareri. Oggi, per esempio,  vi parlo della terza stagione di Bates Motel, della seconda di Reign, e di How get away with a murder, novità assoluta di cui non sono riuscita a parlarvi prima, perdonatemi :(

BATES MOTEL (stagione 3)

Non so come, ma mi sono accorta che era ricominciata la terza stagione del telefilm, solo quando erano già state trasmesse ben otto puntate! Si vede che ne seguo davvero troppe di serie TV,  per aver avuto questa svista xD
Comunque, considerando che la stagione ha solo una decina di puntate, in un baleno l'avevo già terminata.
Mi è piaciuta molto di più rispetto la seconda stagione, che invece non mi aveva detto un granché, anzi, l'avevo trovata alquanto deludente.  Che il telefilm percorre una storia tutta sua, rispetto al film originale, si è capito fin dalla prima puntata, ma qui,  ho trovato qualcosa che lo avvicinasse maggiormente, ovvero il cambiamento nel personaggio di Norman. Il suo vero "io", fino ad ora solamente celato, sta venendo fuori, e l'incrinarsi del rapporto morboso con la madre, dà la svolta al telefilm.  Il loro legame, fino ad ora indissolubile, nonostante tutto ciò che hanno passato, viene messo in discussione, e i due si allontanano sempre di più. Freddie Higmore,  dimostra grande talento, nell'interpretazione questo personaggio così ambiguo e disturbato, ma la punta di diamante del telefilm, rimane sempre lei, Vera Farmiga. Anche questa volta è stata eccellente, straordinaria, glaciale, con il suo amore sconfinato per i figlia, i problemi che da madre sola deve affrontare, e il suo carattere estremamente fragile. Finalmente apre gli occhi e si rende conto che non può andare avanti così, che deve affrontare la realtà della situazione in cui si trova, anche se questo mette a repentaglio la sua famiglia. Ma non solo, perché deve anche affrontare i fantasmi del suo passato, i propri drammi, e le proprie paure. Insomma, la Farmiga è davvero straordinaria nel dare il volto a Norma Bates, non c'è che dire.
MI è piaciuto il "risvolto romantico" che coinvolge due personaggi fondamentali alla storia, e che dona anche un po di leggerezza al tutto. Non ho apprezzato invece, il (quasi) ritorno di un altro personaggio, che, non so perché, ma fatico proprio a sopportare .
Per come è terminata la stagione, sono davvero curiosa di scoprire che piega prenderà la storia.
VALUTAZIONE: ♥♥♥♥ / e mezzo

REIGN (stagione 2)

Inizia, purtroppo,  ad annoiarmi un po questa serie, nonostante all'inizio, fosse partita nel migliore dei modi.
Ho trovato questa nuova stagione piuttosto piatta, lenta e a tratti anche molto noiosa, ma ho continuato a vederla,  per quelle puntate che, invece,  erano abbastanza coinvolgenti e interessanti, da farmi sperare per il meglio, sul futuro di questa serie.
Adelaide  Kane è molto brava nel suo ruolo, soprattutto in queste puntate in cui il suo personaggio deve affrontare innumerevoli cambiamenti, e prendere decisioni più difficili e rischiose del solito. Piuttosto noioso, invece, il personaggio di Francis, che all'inizio invece, era molto più carismatico ed intraprendente. Anche Caterina de Medici, con i suoi assurdi stratagemmi e le geniali trappole,  mi hanno divertiti poco,  rispetto le puntate scorse.
Il finale, comunque, promette bene, spero quindi che nella prossima stagione, le vicende di Maria Strada,  riprendano lo smalto che hanno perso in queste puntate xD
VALUTAZIONE: ♥♥♥

HOW GET AWAY WITH A MURDER (stagione 1)

Ho scoperto dell'esistenza di questo telefilm, alla convention di Teen Wolf, dove la mia amica me ne aveva parlato entusiasticamente. Tornata a casa, ho scoperto che Sky lo avrebbe trasmesso di lì a pochi giorni, bombardandomi continuamente con i suoi promo tanto che, volente o nolente, dovevo guardarlo per forza, almeno per capire COME MAI era tanto pubblicizzato.
Beh, non ho mai visto nulla di simile prima d'ora! Il modo in cui decidono di raccontare questa storia, è molto particolare, perché partono da continui flashback (che a volte mi hanno confuso un po',  lo ammetto), che fanno vedere però il presente dei protagonisti, e vanno poi a ritroso nella storia, per mostrarci come sono arrivati fino a lì. E di puntata in puntata, man mano che vengono raccontati i casi che Annalise Keating,  carismatico avvocato segue, quei flashback aggiungono un pezzettino al puzzle della storia che, verrà rivelata chiaramente (più o meno), solo nell'ultima puntata.d'altra parte, già dal titolo si capisce che il telefilm è qualcosa di particolare e unico nel suo genere, no? (In italiano è stato tradotto in Le regole del delitto perfetto).
La storia, racconta proprio di Annalise,  avvocato di fama mondiale, e docente di diritto penale,  che sceglie cinque tra i suoi migliori studenti, per farsi seguire nei suoi casi. Tutti ambiscono a quel posto, perché in aula è un leone, e perfino i suoi associati Bonnie e Frank, sanno che da lei possono solo apprendere il mestiere di avvocato.
Già di per sé, i casi che affrontano, sono molto interessanti, ma a tutto questo, si unisce il filo conduttore che porta ai famosi flashback, ovvero l'omicidio di una ragazzina, per cui il responsabile pare essere proprio il marito di Annalise. È difficile parlarvi di questo telefilm senza incappare in spoiler, perciò per quanto riguarda la trama, mi fermo qui.
I cinque studenti scelti dalla protagonista,  sono diversissimi tra loro caratterialmente, e questo crea qualche problemino (soprattutto quando saranno assolutamente costretti a collaborare), e tra loro ho ritrovato qualche volto noto. Wes Gibbins (da cui la storia parte), per esempio, è interpretato da Alfred Enoch, che in Harry Potter interpreta Dan Thomas. Quel gran figo di Connor (vi giuro, ve ne innamorerete), ha il volto di Jack Falahee   che avevo già visto nel deludentissimo Twisted, anche se non l'ho riconosciuto subito...da adesso in poi, state sicuri che non lo dimenticherò più xD Ho ritrovato anche Katie Findlay, amica di Carrie in The Carrie Diaries,  che qui è decisamente più dark,  e Liza Weil, ovvero l'indimenticabile Paris Geller di Una mamma per amica.
Ma soprattutto, la protagonista Annalise, è interpretata dalla mitica Viola Davis di The Help, straordinaria in questo ruolo da protagonista assolutamente meritato, algida, determinata, caparbia e furba, ma sotto sotto, anche estremamente fragile, è questo ciò che contraddistingue Annalise Keating, e forse fa di lei un avvocato migliore.
Nel complesso, un esordio davvero riuscito, coinvolgente fin dal pilot,  che mantiene altissima l'attenzione dello spettatore fino alla fine, proprio per il modo in cui la storia viene raccontata. Sono molto curiosa riguardo la seconda stagione, a questo punto.
VALUTAZIONE: ♥♥♥♥


E come terminare il post nel migliore dei modi, se non con una foto di Jack Falahee: ammirate lo in tutta la sua bellezza!
Vi ho convinti ad iniziare questo telefilm? ;)

Follow Us @soratemplates