The Sin Eater's Daughter


Buondì miei cari lettori!
Per oggi, altra recensione di libro in inglese, dopo avervi parlato di The Forbidden Wish qualche giorno fa, oggi è il turno di The Sin Eater's Daughter, di Melinda Salisbury, primo libro di una trilogia dalle copertine semplicemente meravigliose.
Titolo: The Sin Eater’s Daughter (inedito in Italia)
Autore: Melinda Salinsbury

Trama:
La diciassettenne Twylla vive al castello, ma nonostante sia promessa al principe, Twylla non è esattamente un membro di corte.
Lei, è l’esecutore.
Come Daunen Embodied, Dea Incarnata, Twylla ha il potere di uccidere chiunque la tocchi. Ogni mese viene presa dalla prigione e costretta a poggiare le sue mani su quelle degli uomini accusati di alto tradimento.
Nessuno potrà mai amare una ragazza che ha l’omicidio nelle vene. Anche il principe, il cui sangue reale lo rende immune al contatto fatale di Twylla, evita la sua compagnia.
Poi un giorno arriva una nuova guardia, un ragazzo il cui sorriso spontaneo contraddice la sua mortale abilità nel maneggiare la spada.
Tuttavia, un segreto sovversivo sembra essere il minore dei problemi di Twylla. La regina ha infatti un piano per distruggere i suoi nemici, un piano che richiede un impensabile sacrificio.
Twylla farà tutto ciò  in suo potere pr proteggere il suo regno? O abbandonerà il suo compito in favore di un amore segnato dal destino?

Recensione:
Twylla è la figlia della Sin Daughter, ovvero la mangia peccati, ma è anche l’attuale Daunen Emboied di Lomere, e per provare di essere la predestinata a questo ruolo, da quattro anni, ogni mese, è costretta a bere una pozione, e sopravvivere ad essa. Questo, le offre un potere enorme e terribile, ovvero la capacità di uccidere chiunque lei tocchi. Ed è questo che fa, per il volere della regina, uccidere i traditori del regno.
Il destino di Twylla, è segnato da un futuro fatto di obblighi, visto che è anche la promessa sposa del futuro re, ma proprio lui, e una nuova guardia al servizio della ragazza, stravolgeranno le sue certezze, e la sua vita.

Era da parecchio che avevo questo ebook sul Kobo, ma la paura che fosse scritto in un inglese troppo avanzato per me, mi aveva resa restia a leggerlo. D’altra parte, però, avevo letto solo opinioni positive al riguardo, e le cover di questa serie sono talmente belle che, incantano al primo sguardo.
The Sin Eater’s Daughter, infatti, è il primo capitolo di una trilogia, nonché il romanzo d’esordio dell’autrice Melinda Salinsbury.

Per essere il suo primo libro, devo dire che è scritto estremamente bene. Oltre alla storia di per sé, che è originale, interessante e ben costruita, tutto ciò che fa da contorno, è davvero curato.
Il world-building di questa storia, in particolare, è eccezionale, l’autrice si è soffermata, ed ha approfondito benissimo il contesto mitologico-religioso del romanzo, non tralasciando nulla, la cittadina di Lomere, è anch’essa ben strutturata, e in generale l’ambientazione è ben descritta. Le descrizioni, difatti, sono di quelle che piacciono a me, evocative e ricche di dettagli essenziali, ma non per questo noiose o troppo prolisse.

Il personaggio di Twylla, non è la tipica protagonista fantasy, eroina coraggiosa e indipendente, perché all’inizio è totalmente succube della regina e del suo ruolo di Daunen Emboied. È nel corso delle pagine, e dei capitoli, che pian piano inizierà a prendere in mano le redini della sua vita, un po’ grazie e Lief, la sua nuova guardia, che sarà capace di aprirle gli occhi, è un po’ per certi segreti, che iniziano a venire a galla e a rivelarle verità che la regina è disposta a tutto pur di tenere celate. E probabilmente questo, ovvero l’evolversi della protagonista, il suo maturamento come persona, che da ingenua e succube, diventa più consapevole e determinata, è uno dei punti forza del romanzo, perché il suo cambiamento avviene gradualmente davanti agli occhi del lettore.

Il bello di questo romanzo, è l’imprevedibilità della storia, che, di capitolo in capitolo, riserva qualche sorpresa. Per Twylla, infatti, non è facile riuscire a fidarsi di qualcuno, perché pare che tutti abbiano qualcosa da nascondere e siano disposti a tradirla, e ciò riserva non pochi colpi di scena alla trama.
A parte lei, Liaf e il promesso sposo della ragazza, la regina è un altro personaggio caratterizzato davvero bene. Benché all’inizio sembri “innocua”, via via viene svelata la sua natura glaciale, egoista, e disposta a sacrificare chiunque pur di ottenere ciò che vuole.
Il finale del romanzo, poi, è perfetto, perché non ci sono cliffhanger fastidiosi, può quindi sembrare un libro autoconclusivo, ma la voglia di leggere subito gli altri due volumi, è parecchio forte.

Per quanto riguarda l’inglese, poi, devo dire che credevo fosse più complicato da leggere, invece tutto sommato risulta abbastanza semplice, a parte qualche passaggio più descrittivo, dove mi sono dovuta soffermare un po’ di più, sempre munita di dizionario xD

Valutazione:
3 ½

Difficoltà in lingua:
medio/facile
Di per sé è abbastanza facile, ma alcuni passaggi più dettagliati, o ricchi di nomi (come i particolari religiosi-medievali, o le varie piante nominate) possono essere un tantino più difficili.

7 commenti:

  1. Thanks for such very great information. This is the best sites for proving such kinds of good information.
    Gujarat Police Constable Answer Key

    RispondiElimina
  2. Thanks for providing such nice information to us. It provides such amazing information on care/as well Health/. The post is really helpful and very much thanks to you. The information can be really helpful on health, care as well as on examhelp/ tips. The post is really helpful

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)