Wonder

Titolo: Wonder
Autore: R.J. Palacio
Editore: Giunti
Collana: Junior
Anno: 2013
Pagine: 288
Prezzo: 9,90

Trama:
È la storia di Auggie, nato con una tremenda deformazione facciale, che, dopo anni passati protetto dalla sua famiglia per la prima volta affronta il mondo della scuola. Come sarà accettato dai compagni? Dagli insegnanti? Chi si siederà di fianco a lui nella mensa? Chi lo guarderà dritto negli occhi? E chi lo scruterà di nascosto facendo battute? Chi farà di tutto per non essere seduto vicino a lui? Chi sarà suo amico? Un protagonista sfortunato ma tenace, una famiglia meravigliosa, degli amici veri aiuteranno Augustus durante l'anno scolastico che finirà in modo trionfante per lui. Il racconto di un bambino che trova il suo ruolo nel mondo. Il libro è diviso in otto parti, ciascuna raccontata da un personaggio e introdotta da una canzone (o da una citazione) che gli fa da sfondo e da colonna sonora, creando una polifonia di suoni, sentimenti ed emozioni.

Recensione:
Quando ti viene data la possibilità di scegliere
 se avere ragione o essere gentile, 
scegli di essere gentile

Ho scelto "Wonder" per la Reading Summer Challenge per il punto "libri scelti da qualcun altro",  perché mi era stato regalato in occasione della giornata del libro. Avevo già visto la copertina, ma non mi ero informata sulla trama, non so perché, non mi affascinava granché, quindi probabilmente non l'avrei mai letto, se non mi fosse stato regalato. Ed avrei fatto malissimo,  perché al momento, mi sentirei di consigliarlo a chiunque.
È una storia molto particolare,  toccante dal punto di vista emotivo,  e soprattutto significativa. August è un ragazzino solitario, ha sempre studiato a casa, ma all'inizio della prima media, qualcosa cambia,  perché i suoi genitori decidono di mandarlo a scuola.
La decisione non è semplice, perché August non è un ragazzino come gli altri, è nato con una malformazione genetica, che ha reso il suo viso "bizzarro", e le numerose operazioni a cui è stato sottoposto,  non hanno giovato. Le persone hanno paura di lui,  sono intimorite,  poco comprensive,  e si sa, i ragazzini in particolar modo sanno essere crudeli nei confronti di ciò che non conoscono,  e con i più deboli. Tutto parte dalla voce di August, e di capitolo in capitolo scopriamo qualcosa in più sulla sua vita, dalle voci di chi lo circonda. L'idea di utilizzare diversi narratori, non mi ha stupito più di tanto, ma mi ha sorpreso vedere  la scelta delle voci fatta  dall'autore, perché alcuni non sono propriamente personaggi principali.
Mi ha colpito tanto questo libro, positivamente,  l'ho letto in un pomeriggio, perché  non riuscivo a staccarmici, ho trovato l'idea assolutamente riuscita, nonostante il tema non fosse assolutamente facile da trattare. Qui, il "diverso" viene raccontato in modo quasi ironico, personale e amichevole, ed è forse proprio questo che rende il libro speciale.
È toccante e commovente,  ma non troppo pesante e doloroso, eppure ci fa veramente entrare nei panni del protagonista e capire come ci si senta ad essere costantemente in imbarazzo, giudicati e presi in giro. 
La capacità di comprendere ed ascoltare, è forse un dono di natura, ma non è detto che col tempo non possa essere imparato. Cosa che, come i personaggi di questo libro,  dovremmo fare anche tutti noi.
E' uno di quei libri che lasciano il segno, che anche a distanza di molto tempo, continuano ad essere insieme a noi, penso che sia difficile dimenticarsi di un libro del genere, perchè la storia di Auggie, è così speciale, e lascia dei sentimenti molto contrastanti. alla fine del libro, mi sono sentita soddisfatta, speranzosa, mi ha insegnato molto, ma allo stesso tempo, mi ha fatto soffrire, per quanto la storia sia vera e pura.
Ma lo dovete leggere, davvero, ne rimarrete assolutamente colpiti.

Valutazione: ♥♥♥♥/ e mezzo

1 commenti:

  1. Bella recensione! :) Questo libro va dritto dritto in wishlist ;)

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)