The Tower - Il millesimo piano

Titolo: The Tower
Autore: Katharine McGee
Editore: Piemme
Anno: 2017
Pagine: 468
Prezzo: 17,00

Trama:
Manhattan, 2118. New York è diventata una torre di mille piani, ma le persone non sono cambiate: tutti vogliono qualcosa, e tutti hanno qualcosa da perdere.
La spregiudicata Leda, che brama una droga che non avrebbe mai dovuto provare e un ragazzo che non avrebbe mai dovuto toccare. La viziata Eris, che dopo aver perso tutto in un istante vuole risalire, ma presto comincerà a chiedersi quale sia veramente il suo posto. L'intraprendente Rylin, che un lavoro ai piani alti trascinerà in un mondo - e in una relazione - mai immaginati: la nuova vita le costerà quella vecchia? Il geniale Watt, che può arrivare ai segreti di ciascuno e, quando viene assunto per spiare una ragazza, si troverà imprigionato in una rete di bugie. E sopra tutti, al millesimo piano del Tower, vive Avery, disegnata geneticamente per essere perfetta. La ragazza che sembra avere ogni cosa, tormentata dall'unica che non dovrebbe nemmeno desiderare… 

Recensione:
Hanno spacciato questo libro come un po' come incrocio tra Gossip Girl e Pretty Little Liars e…e in effetti, qualche cosina in comune con questi libri, ce l’ha, ma poco.
Avevo aspettative alte, anzi altissime, per questo romanzo, di cui avevo letto opinioni più che positive, ma a me personalmente, non ha colpito molto, anzi, e sono rimasta abbastanza delusa.
La cosa migliore, ma anche quella un po’ più difficile da immaginare, è senza dubbio l’ambientazione futuristica. Ambientato nel 2118 infatti, vediamo New York trasformato in un immenso, infinito grattacielo. Ai piani alti, ci sono i più ricchi, quelli più agiati, mentre ai piani inferiori, quelli in ristrettezze economiche. Il sole, si prende tramite i raggi di una lampada, per trucco e parrucco, basta selezionare cosa si vuole, e in un attimo si è pronte (la cosa che ho preferito, visto che risparmierei moltissimo a mettere l’eyeliner così!), niente cellulari, si fa tutto a mente, perché è tutto in qualche modo incorporato nel  cervelol delle persone, e anche le droghe sono più all’avanguardia, futuristiche.
Insomma, un ambientazione molto particolare e studiata dall’autrice, che un po’ fa paura, ed è difficile riuscire ad immaginare al 100%, anche se riesce a descriverla abbastanza bene
Tante voci si scambiano durante la narrazione, solitamente questa è una cosa che apprezzo molto, perchè amo i punti di vista multipli, ma in questo caso, ho trovato i personaggi femminili troppo simili tra loro, con voci poco distinte, delineate malino, tanto che, a ogni inizio capitolo dovevo riflettere qualche secondo per capire quale dei personaggi stesse parlando.
Di Gossip Girl, abbiamo sì le persone superficiali, le feste, gli sballi, qualche scandaluccio, qualche gelosia, rapporti inappropriati e fallimenti, ma è tutto abbastanza semplice, banale, non c’è suspance, particolare azione o colpi di scena da mozzare il fiato. Anche il prologo iniziale, un po’ alla Pretty Little Liars, non dà grandi sorprese nel finale, è nel complesso abbastanza piatto, lineare, senza troppe sorprese.
Così anche lo stile dell’autrice è semplice, senza fronzoli, un po’ lento, i suoi personaggi non spiccano particolarmente, anzi, non riescono a catturare il lettore nemmeno per la loro frivolezza e la superficialità, che spesso diverte, nei romanzi del genere, l’unica cosa che mi ha colpita, è stata appunto l’ambientazione futuristica.
Per il resto ho trovato il libro poco entusiasmante, al contrario di Gossip Girl, dove accanto la superficialità c’era il divertimento per la sua leggerezza, e qualche colpo di scena ci ha fatto tirare il fiato, qui è tutto abbastanza noioso.
O almeno, io l’ho trovato tale.

Valutazione:
♥♥/e  mezzo

6 commenti:

  1. No che peccato io rientro tra le persone che lo hanno amato e che aspettano con ansia il secondo volume...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari era anche il periodo sbagliato per leggerlo, avendo letto tanti libri super belli prima, con questo forse sono stata troppo critica!

      Elimina
  2. Peccato che non ti sia piaciuto! Ne ho sentito sempre parlare bene, comunque vorrei leggerlo per farmi una mia idea ❤️

    RispondiElimina
  3. Non l'avevo preso in considerazione, ma leggendo la tua recensione devo ammettere che mi è venuta un po' di curiosità XD ultimamente sono così, mi lascio convincere facilmente dai pareri negativi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede spesso anche a me xD ed è giusto farsi una propria opinione, anche sui libri negativi! xD

      Elimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)