Olga di carta

Titolo: Olga di carta
Autore: Elisabetta Gnone
Editore: Salani
Anno: 2015
Pagine: 297
Prezzo: 14,90

Trama:
Olga Papel è una ragazzina esile come un ramoscello e ha una dote speciale: sa raccontare incredibili storie, che dice d’aver vissuto personalmente e in cui può capitare che un tasso sappia parlare, un coniglio faccia il barcaiolo e un orso voglia essere sarto. Vero? Falso? La saggia Tomeo, barbiera del villaggio, sostiene che Olga crei le sue storie intorno ai fantasmi dell’infanzia, intrappolandoli in mondi chiusi perché non facciano più paura. Per questo i racconti di Olga hanno tanto successo: perché sconfiggono mostri che in realtà spaventano tutti, piccoli e grandi. Un giorno, per consolare il suo amico Bruco, dal carattere fragile, Olga decide di raccontargli la storia della bambina di carta che partì dal suo villaggio per andare a chiedere alla maga Ausolia di trasformarla in una bambina normale, di carne e ossa. Il viaggio fu lungo e avventuroso: Olga s’imbatté in un venditore di tracce, prese un passaggio da un ragazzo che viveva a bordo di una mongolfiera e da un altro che attraversava il mare a remi. Più volte rischiò la vita, si perse, ma fu trovata da un circo. E quando infine trovò la maga, solo allora la bambina di carta comprese quante cose fosse riuscita a fare…

Dopo Fairy Oak, Olga di Carta è il nuovo libro di Elisabetta Gnone, e proprio come la serie, che ho adorato e consiglio a tutti quanti, nonostante sia rivolta ai ragazzi più giovani, così anche questo libro mi è piaciuto tantissimo.

Qui, viene raccontata la storia di Olga, una ragazzina dalla fantasia spiccatissima, che si diverte a raccontare storie, che lei dice di aver vissuto veramente. Le racconta così bene, e in modo così vivido, che tutto il paese vuole ascoltarla, anche gli adulti, anche quelli che pensano sia un po' pazzerella, e che dovrebbe smetterla di raccontare. 
La sua nuova storia, parla di questa bambina, che si chiama anche lei Olga, e che è fatta di carta. Stanca di essere così, parte per un viaggio lunghissimo, spericolato, e che la porterà a conoscere buffissimi e strampalati personaggi, per arrivare da una maga, capace di trasformarla in una bambina in carne e ossa.

Oltre alle storie, di per sè affascinanti, e ricche di magia, valori e sentimenti, ciò che colpisce più di tutto, nei libri della Gnone, è lo stile che lei utilizza per raccontare. L'accuratezza con cui ci descrive tutto nei minimi dettagli, lo stile evocativo, che fa la differenza, ed è capace di far apparire la storia davanti agli occhi di chi legge i suoi libri.
E' tutto curato, nulla viene lasciato al caso, le descrizioni sono molto vivide, non tralascia i piccoli particolari, ed è questa ricchezza, nella sua scrittura, e nel voler rendere la sua storia competa al 100%, che rende i suoi romanzi assolutamente sublimi.

In questo caso, ci sono due storie in uno, diciamo, quindi tantissimi personaggi, tanti scenari che cambiano e avventure rocambolesche. I suoi, sono personaggi magici, anche quando non hanno alcun potere, e il bello, è che anche di quelli secondari, ci viene raccontato qualcosa. Può essere anche una caratteristica piccola piccola, o la descrizione fisica, ma il fatto che l'autrice voglia dirci qualcosa anche di loro, mostra quanto amore metta nelle sue storie.

Come in Fairy Oak, anche in questo libro ci sono delle illustrazioni, che impreziosiscono ancora di più la storia, sono abbastanza semplici, ma assolutamente in linea con Olga, quella di carta.
Amicizia, affetto, una protagonista leale, sincera, e apparentemente fragile, ma piena di valori, è questo che insegna la storia. E poi, soprattutto, il saper accettarsi per come si è, anche si si è diversi dagli altri, perchè come scoprono le due Olga, essere diversi, non deve essere un problema, un difetto, anzi, se sappiamo accettarci, diventa il pregio più grande.
Da leggere assolutamente!

♥♥♥♥

7 commenti:

  1. Io l'ho amato! Mi ha fatto un pò tornare bambina quando ogni storia, ogni gioco, ogni avventura sembrava qualcosa di favoloso e magico! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto, c'è proprio bisogno di leggere libri del genere :)
      Tornare bambini è così bello! xD

      Elimina
  2. Ho letto e apprezzato tantissimo questo libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che sia piaciuto anche a te :)

      Elimina
  3. Non l'ho letto ma credo sia adatto a mio figlio di 11 anni :)

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)