Speciale Harry Potter #3

Ho iniziato questo "Speciale Harry Potter" non so quanti mesi fa, e poi tra una cosa e l'altra l'avevo completamente dimenticato lasciato da parte, abbiate pietà e non fucilatemi! In occasione della maratona che stanno mandando in onda tutti i sabati su Italia 1, ho deciso di darmi una mossa e portare a termine (forse!) questo "speciale".
Oggi vi parlo del quinto e sesto film.

Titolo: Harry Potter e l'Ordine della fenice
Titolo originale: Harry Potter and the Order of Phoenix
Regia: David Yates
Paese: Gran Bretagna
Anno: 2007
Durata: 138 min.
Cast: Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint, Tom Felton, Ralph Finnes, Gary Oldman, Michael Gambon, Maggie Smith, Robbie Coltrane, Helena Bonham Carter, Imelda Stauton

Trama: (presa da Coming Soon)
Harry torna a Hogwarts per il quinto anno di corso e scopre che gran parte della comunità dei maghi si rifiuta di accettare il suo incontro con il malvagio Lord Voldemort. Mentre l'autorità del preside Albus Silente viene messa in discussione dal ministero della magia Harry deve organizzarsi: con l'aiuto degli amici Hermione e Ron, organizza una riunione segreta e fonda l'Esercito di Silente, preparando così i coraggiosi giovani maghi per la battaglia che li aspetta...

Recensione:
Cedric Diggory, uno studente innocente, è morto, Voldemort è tornato davvero e Harry l'ha affrontato, l'ha visto con i propri occhi in tutto il suo...splendore? Sono queste le cose che tormentano Harry all'inizio di questo nuovo film. Confinato nella calda e desolata Privet Drive, deve far fronte alle prese in giro del cugino, e all'arrivo improvviso dei Dissennatori che, a causa dell'Expecto Patronum necessario per mandarli via, rischiano di farlo espellere da Hogwarts. Queste, le premesse da cui parte Harry Potter e l'Ordine della Fenice, il film in cui ci addentriamo sempre più profondamente nell'imminente battaglia.

Harry deve superare il dolore e la paura di ciò che alla fine del Torneo Tremaghi ha vissuto, e deve anche fingere di stare bene, quando in realtà nessun gli crede, e a scuola viene additato in continuazione, i bisbigli si moltiplicano, e una mostruosa sorpresa infiocchettata di rosa attende lui e i suoi amici... Dolores Umbridge, la donna più odiosa del pianeta, la nuova insegnate di Difesa contro le Arti oscure, che renderà l'atmosfera di Hogwarts un tempo allegra e piacevole, ora un inferno. Infiltrata nella scuola per conto del Ministero, la Umbridge crea regole su regole, restrizioni e punizioni di una crudeltà inaudita, malamente celata sotto i suoi completini rosa e i gattini sdolcinati. È una donna orribile, odiosa, dai modi fintamente gentili e che prenderei volentieri a pugni ogni volta che apre bocca!

Harry, Ron ed Hermione, fanno la loro parte, per convincere i compagni che, non solo Voldemort è tornato, ma anche che hanno un bisogno estremo di imparare concretamente a difendersi. Così formano l'Esercito di Silente. Si incontrano di nascosto, e sotto l'insegnamento di Harry, imparano gli incantesimi più importanti, da saper attuare in caso di bisogno... cosa darei per fare parte del fantastico Esercito di Silente, e vedere che forma prenderebbe il mio Expecto Patronum! Scusate, sto delirando!

L'Ordine della fenice, è un film ad alto tasso di adrenalina, non ci si ferma mai. Questa volta il trio, si espande, perchè capiscono di aver bisogno di tutto l'aiuto possibile, se c'è chi è disposto ad aiutarli. E così, facciamo anche la conoscenza della dolcissima Lunatica Luna Lovegood, una ragazzina particolarissima, interpretata eccellentemente da Evanna Lynch.

Il finale, ciò che succede al Ministero della Magia, lascia senza parole, la sofferenza di Harry, mi spezza il cuore ogni volta che lo vedo tra le braccia di Lupin, urlante e disperato. Il coinvolgimento emotivo e la vulnerabilità quando Voldemort si impossessa del suo corpo, e Silente lo supplica di resistere, di tornare in sè, mi commuovono ogni volta che guardo questo film.
Ralph Finnes è grandioso, credo che non potessero scegliere un attore più perfetto per questa parte. Voldemort è terrificante, mette angoscia e i suoi modi di muoversi e infiltrarsi nei pensieri e nei ricordi più nascosti di Harry, lo rendono il nemico temibilissimo che la Rowling aveva descritto nei libri.
E così è tornato, è tornato per davvero, e quando il Ministro Caramell se ne rende conto, finalmente, ci prendiamo una piccola rivincita, visto che non aveva fatto che screditare Silente e Harry per tutto il film.
Non posso poi, non menzionare la strabiliante Helena Bonham Carter, che veste i panni di Bellatrix Lestrange, una donna pazza, sadica, fuori di sè, rinchiusa per anni ad Azkaban. Helena è un'attrice straordinaria, e il suo personaggio, qui svolge un ruolo determinante, dà sempre alla ricerca dell'approvazione dell'oscuro Signore, disposta a tutto pur di lodarlo.
Uno dei film più intensi, dove le alleanze si fortificano, si rendono più partecipi anche altri, oltre al nostro trio, e le lacrime sono assicurate.
Ah, ultima cosa, per fortuna in questo film ci hanno dato tutti un taglio di capelli! Ron non si poteva proprio guardare ne Il calice di fuoco!

SPOILER
La morte di Sirius è un dolore atroce, fa paura vedere un'altra volta una persona portata via dalla vita di Harry, dopo così poco tempo passato assieme. E' uno dei personaggi che preferisco della saga, e non perdonerò mai zia Row per averlo fatto morire così ç_ç


Valutazione:
4 stemmi e mezzo


Titolo: Harry Potter e il Principe Mezzosangue
Titolo originale: Harry Potter and the Half-blood Prince
Regia: David Yates
Paese: Gran Bretagna
Anno: 2009
Durata: 153 min
Cast: Daniel Radcliffe, Alan Rickman, Bonnie Wright, Emma Watson, Julie Walters, Rupert Grint, Michael Gambon, Evanna Lynch, Fiona Shaw, David Thewlis, Mark Williams,

Trama: (presa da Coming Soon)
In Harry Potter e il Principe Mezzosangue Voldemort allunga la sua ombra minacciosa sia sul mondo dei Babbani che su quello dei maghi e Hogwarts non è più un posto sicuro e accogliente come in passato. Harry sospetta che i pericoli minaccino anche la scuola, ma Silente concentra la sua attenzione nel prepararlo alla battaglia finale, che sa essere inevitabile. I due insieme cercano di penetrare nelle difese di Voldemort ed allora Silente chiama il vecchio amico e collega Horace Lumacorno, le cui competenze considera fondamentali. Nel frattempo gli studenti subiscono gli attacchi di un avversario molto particolare: gli ormoni adolescenziali. Harry è sempre più attratto da Ginny, così come Dean Thomas. Mentre Lavender Brown ha deciso che Ron è il tipo giusto per lei, Hermione soffre di gelosia, ma fa di tutto per non farlo vedere. Ma uno studente rimane in disparte, deciso a lasciare il suo segno, anche se cupo. L’amore è nell’aria, ma la tragedia è imminente e forse Hogwarts non sarà più la stessa.

Recensione:
Dopo L'Ordine della Fenice, anche questo film è un colpo al cuore. Promette di frantumare e calpestare il nostro piccolo cuoricino, forse ancora più del film precedente.
In questo nuovo anno scolastico, Lumacorno è il nuovo professore di Pozioni, diventato tale proprio grazie ad Harry. Pare infatti che Silente sia fermamente convinto che lo stesso Harry sarà tra i prediletti del nuovo professore, che ama circondarsi di studenti brillanti, popolari e famosi.
un vecchio libro, trovato casualmente a scuola, farà risultare proprio Harry il migliore del corso (con parecchia gelosia da parte della nostra adorabile Hermione), grazie agli appunti e ai suggerimenti del proprietario precedente, il misterioso Principe Mezzosangue.

Dopo la dis-avventura con Cho, Harry sembra legarsi particolarmente a Ginny, mentre Ron avrà un bel da fare con una certa appiccicosa Lavanda, che finirà per lasciarlo letteralmente senza respiro! 
Superare la morte di Sirius non è cosa facile per Harry, per questo mette anima e corpo nella missione proposta da Silente, ovvero aiutarlo nella ricerca degli Horcrux, oggetti misteriosi quanto pericolosi. In questo film seguaci di Voldemort, i Mangiamorte, non si fanno scrupoli, li vediamo infiltrarsi nella società Babbana dalla primissima scena del film, con la distruzione di uno dei ponti di Londra, il Millenium Bridge.

Mi è sembrata carina l'idea di inserire la scena della stazione della metropolitana (non vorrei sbagliarmi, ma mi pare che nel libro non ci fosse), dove Harry invita la ragazza del bar...anche se purtroppo l'appuntamento non va a buon fine!

Il finale è devastante, ancora una volta.
Dal quarto film in poi, abbiamo l'abbonamento ai finali sorprendenti e inaspettati, di quelli che si fanno ricordare per emozioni e lacrime versate.
Intriso di oscurità, apre le porte al prossimo film, annunciando il non ritorno a scuola per il nostro trio.
Dire addio a Hogwarts come l'abbiamo sempre vista, è dura. Fortunatamente qui non manca lo humor, così possiamo goderci l'ultimo anno scolastico come ai vecchi tempi. Le vicende amorose di Ron, sono forse uno dei punti più forti ed esilaranti del film, che portano anche a rivalutare il suo rapporto con Hermione (finalmente, dico io!). Insomma, non mancano i sentimenti e i drammi amorosi adolescenziali! 
Particolarmente ad effetto, l'attacco dei Mangiamorte alla Tana, vederla in fiamme è davvero triste ç_ç

Valutazione:
4 stemmi e mezzo



2 commenti:

  1. Amo Harry Potter *.* grazie davvero per questo post :3 è bellissimo leggere su questa serie :3 io adoro Ron, e * non uccidermi* mi piaceva anche coi capelli un po' lunghi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ma figurati, ognuno ha i suoi gusti! xD Io lo preferisco con i capelli u p' più corti, ma è sempre un grande!
      "Miseriaccia"...mi fa morire tutte le volte che lo dice! :')

      Elimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)