The Trap

Titolo: The Trap
Autore: Andrew Fukuda
Editore: Il Castoro
Anno: 2014
Pagine: 367
Prezzo: 15,90

Trama:
Nel mondo violento e spietato dei vampiri, Gene e Sissy hanno scoperto la chiave per uscire dall'orrore: un'arma in grado di ritrasformare quelle creature assetate di sangue in esseri umani. Ma non sanno ancora come usarla, e la sfida sembra impossibile: il treno su cui viaggiano punta dritto verso la metropoli e il Palazzo del Governante, e i rischi che finora hanno corso non sono nulla in confronto a ciò che li aspetta alla meta. Ora più che mai, una sola cosa è importante: Gene e Sissy devono restare uniti, costi quello che costi. Ma nella lotta per la sopravvivenza Gene dovrà fare i conti anche con Ashley June - il suo primo amore - e con i molti segreti che hanno segnato la sua vita e quella di suo padre. Quando la verità sarà finalmente svelata, Gene sarà pronto ad affrontarne le conseguenze?

Recensione:
La storia parte esattamente da dove The Prey si era interrotta, ovvero con Gene e gli altri sopravvissuti, in viaggio sul treno, verso quella che pensano sia la salvezza, e invece risulta essere solo un'altra trappola, un illusione. Un ritorno a dove tutto era cominciato, perchè il treno li riporta al Palazzo del Governatore.
Gene, Sissy e gli altri ragazzi, hanno avuto a che fare con innumerevoli attacchi e pericoli nei precedenti volumi, ma mai, dico mai, come in questo libro. E' un continuo nascondersi, attaccare, scappare da un capo all'altro del paese, è una caccia continua e loro non riescono a togliersi di dosso il ruolo di prede, non riescono a trovare pace, nemmeno per un attimo.
La storia procede in modo scorrevole, con lo stesso tono utilizzato nei precedenti libri, ritmo veloce, coinvolgente, colpi di scena. In alcuni capitoli, la voce di Gene si alterna a quella di Ashley June e Sissy, ma se lui narra in prima persona, i loro capitoli invece, sono raccontati utilizzando il punto di vista esterno. In The Trap, succede davvero l'inimmaginabile, accade di tutto, e via via che la storia procede, vengono a galla alcuni indizi per cui, nel finale viene rivelata una verità parecchio scottante per i due protagonisti. 
Devo essere sincera, i primi due libri mi sono piaciuti davvero tantissimo, qui invece ho trovato tutto un po' troppo, nel senso che le situazione sono davvero estreme, pericolose, e soprattutto continue, eppure i due non crollano mai al suolo morti dallo sfinimento, ma riescono a reggersi in piedi nonostante abbiano appena avuto a che fare con una situazione stancante dopo l'altra. Il modo in cui l'autore ha deciso di concludere il romanzo, con la grande SCOPERTA l'ho trovata un po' campata per aria, è senza dubbio un qualcosa che il lettore non si aspetta, ma smonta un po' la storia che viene raccontata fino a quel momento, e ne sono rimasta delusa. Il finale può piacere, o meno, io me lo aspettavo diverso, sinceramente.
Qui le descrizioni della Gente, di questi personaggi così particolari, che sono un po' un incrocio tra dei vampiri e degli zombie, sono ancora più vivide. Ovvero, ancor più sgocciolii di saliva e leccate varie, vi avviso! Ci sono nuovi personaggi, ma nessuno di grande spessore, come il resto delle creature raccontate dall'autore che, essendo senza sentimenti e senza scrupoli, non si è soffermato più di tanto a spiegare ciò che provano (oltre la fame ossessiva, ovvio!). I personaggi su cui si concentra la storia, rimangono Gene e Sissy, e a tratti anche Ashley June, di cui vediamo uno sprazzo di infanzia, ma che, mi sarebbe piaciuto, avesse maggiore spazio in questo libro, visto che tutto era iniziato proprio dal rapporto che Gene aveva con lei. 
Conclusione, un finale un po' così così, che non mi ha convinto pienamente. Della serie, "speravo di meglio"!

Valutazione:
♥♥♥

2 commenti:

  1. Uhm secondo me va un po' a gusti.. io ho adorato questo libro e il finale secondo me è stato perfetto *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che a te sia piaciuto! Forse mi aspettavo un finale diverso, comunque nel complesso non è male :)

      Elimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)