Speciale Harry Potter #4

E' con sommo dispiacere che scrivo oggi, l'ultimo "Speciale" sui film di Harry Potter ç_ç
Vi lascio i miei pensieri sull'ultimo film della saga, diviso in due, Harry Potter e i Doni della morte parte 1 e parte 2.

Titolo: Harry Potter e i Doni della morte parte 1
Titolo originale: Harry Potter and the Deathly Hallows: part 1
Regia: David Yates
Paese: Gran Bretagna
Anno: 2010
Durata: 146 min.
Cast: Emma Watson, Rupert Grint, Daniel Radcliffe, Tom Felton, Julie Walters, Evanna Lynch, Mark Williams, Bonnie Wright, Jamie Campbell Bower, Bill Nighy, Ralph Finnes, James Phelps, Oliver Phelps, Clémence Poésy, Brendan Gleeson

Trama:
Dopo la scomparsa di Silente, la forza distruttiva di Voldemort appare praticamente inarrestabile. Harry Potter ed i suoi due fedeli amici Ermione e Ron sono costretti scappare come fuggiaschi, braccati ovunque dalle forze oscure. La loro ultima speranza è quella di trovare e distruggere tutti gli horcrux e frenare in questo modo l’avanzata del Male. Come riuscirci quando tutto sembra ormai perduto?   

Recensione:
Che tristezza quando ho visto per la prima volta questo film e mi sono resa conto che non avevano inserito l'addio di Harry ai Dursley...nel libro mi aveva quasi commosso (c'è però il saluto all'angusto sottoscala)! Vediamo però Hermione, che, con grande coraggio fa quello che deve, per salvare i suoi genitori. Il viaggio che porta Harry alla Tana è rocambolesco, con Iisuoi amici che diventano la sua copia sputata, uno dei punti divertenti del film, che è molto più cupo dei precedenti e lascia poco spazio alle risate, anche se poi il viaggio in sè, diventa drammatico quando il gruppo viene attaccato (Edvige ç_ç).
I tre ragazzi, in questo film, si sentono più soli che mai, Silente ha affidato ad Harry una missione estremamente pericolosa, che va anche tenuta segreta, così si ritrovano loro tre, soli contro il mondo, con appena un briciolo di indizi che indichi loro la via per trovare gli Horcrux rimanenti.E anche se c'è un matrimonio da festeggiare e il testamento lasciato da Silente da “decifrare”, Ron, Harry ed Hermione, sono costretti a scappare, perennemente in movimento per non farsi trovare. Il peso di ciò che devono fare, la frustrazione e la solitudine fanno nascere alcuni dissapori che portano Ron ad abbandonare il gruppo. In questa prima parte dell'ultimo capitolo, scottanti rivelazioni sul passato di Silente vengono a galla, uno strano simbolo (quello dei Doni della morte) continua a comparire e loro non possono fidarsi di nessuno. In questo film, più che in tutti gli altri, gli occhi sono puntati su loro tre che compongono quasi tutto il film. La scena del matrimonio è un po' frettolosa, e non viene nemmeno spiegata esaustivamente la storia del giovane Silente, a cui nel libro veniva dato ampio spazio. Sono rimasta un po' delusa dalla visita di Harry ed Hermione a Godric's Hallow', a parte la scena del cimitero, fatta bene, avrei immaginato la cosa un po' più commovente, visto che è il luogo in cui Harry è nato (specialmente quando vede quella che era la sua casa).
Il film è un continuo spostarsi in paesaggi remoti, mentre abbiamo uno scorcio minimo degli altri personaggi. Rimane mitica la scena “Ehy sfigati, lui non è qui” sul treno per Hogwarts, che ci mostra un Neville cresciuto, e molto meno impacciato del solito. Certo, è stranissimo pensare che a vita la Hogwarts possa andare avanti senza il nostro adoratissimo trio. Molto bella anche la scena in cui, sotto effetto della pozione Polisucco, si infiltrano nel Ministero della Magia e ritrovano una vecchia conoscenza poco piacevole (ma come avrà mai fatto a scappare dalla Foresta Proibita?).
I toni del film si fanno più aspri, seri, nessuna risata nella sala comune di Grifondoro, ma solo desolazione, solitudine e speranza che va via via affievolendosi, mentre Voldemort diventa sempre più crudele e forte. Draco Malfoy, sul finale, gioca un piccolo, ruolo fondamentale, che dimostra ancora una volta, nonostante tutto, da che parte stia (mi è sempre piaciuto Draco, e ho sempre creduto che non fosse così cattivo come volesse far credere).Altre sequenze che mi sono piaciute particolarmente, sono quelle con i ghermidori, sia quando rischiano di essere scoperti dal profumo di Hermione (altissima tensione in quella scena), sia quando scappano da loro in mezzo ai boschi. E poi, anche nella tenda, dopo l'abbandono di Ron, molto intensa e tenera la scena in cui Harry ed Hermione ballano insieme.

Valutazione:



Titolo: Harry Poter e i Doni della morte parte 2
Titolo originale: Harry Potter and the Deathly Hallows part 2
Regia: David Yates
Paese: Gran Bretagna
Anno: 2011
Durata: 130 min
Cast: Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint, Evanna Lynch, Tom Felton, Julie Walters, Mark William, Ralph Finnes, Alan Rickman, Helena Bonham Carten, Matthew Lewis, Jason Isaac, Maggie Smith, James Phelps, Oliver Phelps, Devon Murray, Warwick Davis, Kelly Mcdonald, Domhnall Gleeson, Clémence Poésy, Jim Broadbent, John Hurt

Trama:
Harry, Ron ed Hermione organizzano un furto alla Gringott, la banca dei maghi, dove è nascosto uno degli Horcrux rimasti. Benché lo recuperino sono costretti a fuggire, e lo fanno in grande stile, liberando un drago dalle segrete della banca. Ed è in groppa a lui che si dirigono ad Hogwarts, pronti a distruggere gli ultimi due Horcrux rimasti e sconfiggere definitivamente Lord Voldemort che radunerà nella scuola tutto il suo esercito scontrandosi contro gli studenti e l'Ordine della Fenice. La battaglia finale ha così inizio, portando con se i caduti e le straordinarie rivelazioni conclusive.

Recensione:
Vedere gli studenti in marcia come un esercito, sotto lo sguardo di Piton è il primo colpo, sintomo di un Hogwarts che non è più quella che abbiamo conosciuto e imparato ad amare noi.
Mi credete se vi dico che ho avuto gli occhi velati di lacrime per tutta la durata del film? Nonostante abbia rivisto più volte questo film, ogni volta è un colpo al cuore. La seconda parte inizia dove la prima si era interrotta, con Harry, Ron ed Hermione a villa Conchiglia, e Voldemort disposto a tutto pur di possedere la bacchetta di Sambuco. I tre, sempre alla disperata ricerca degli Horcrux rimanenti, compiono una missione suicida entrando alla Gringott, per poi tornare a casa, a Hogwarts, che non è più la casa che conoscevamo, quel luogo allegro e accogliente che ci ha cullati fin dall'inizio. Fa un certo effetto vedere gli studenti in marcia come militari senza gioia nei loro volti, senza il calore di un luogo che era stato per anni sicuro e familiare, e ora composto da pochi professori di sempre, ma da tanti seguaci dell'Oscuro Signore, che non ci pensano due volte a torturare gli studenti.
Era destino che tutto finisse dov'era cominciato, ma vedere ogni cosa distrutta, rimanere inerti a guardare cadere e bruciare le pareti di quel luogo magico è estenuante. I nostri tre eroi, come al solito, sono una cosa sola, legati da un'amicizia invidiabile e sempre più profonda (per non parlare del legame tra Ron ed Hermione, che finalmente sboccia!), continuano la loro missioni mentre tutti, nessuno escluso, combattono fino allo stremo per proteggere la propria vita e quella degli altri. Veniamo a scoprire la vera e toccante storia di Piton (a cui io avrei dato più spazio, hanno creato questo passaggio un po' troppo frettolosamente) e facciamo la conoscenza di verità dure e scottati da digerire. 
Harry, lo sappiamo, non si arrende mai. In questi anni abbiamo imparato quanto sia generoso, sempre disposto a sacrificarsi, proteggere coloro che ama, combattere fino all'ultimo anche contro cose più grandi di lui (quando Hermione si offre di andare insieme a lui nel bosco, mi si spezza il cuore ç_ç) Vogliamo parlare poi di Neville? Da ragazzo pasticcione, imbranato e insicuro, ad eroe? Perchè si, sta in prima linea in questo film. Ora coraggioso, sicuro di sè, in grado di farci sorridere concedendoci qualche scena divertente in mezzo a tanta devastazione, e in grado di incitare gli altri. E la McGranitt? Quella donna è una bomba, l'adoro!
Il bene trionferà sul male? O l'Oscuro Signore riuscirà a vincere anche stavolta? Non ve lo sto a dire perchè già lo sapete, e se non è così, che aspettate? Correte a leggervi il libro o a vedervi il film! Durante la visione del film avrei voluto avere con me una fialetta di Felix Felicitis per alleviare le lacrime, ma allo stesso tempo, quando si tratta di Harry Potter, voglio e vorrò sempre vivere la storia con tutta me stessa. Anche se fa male.

Non c'è addio che regga, perchè per me non esiste alcun addio a Harry Potter, ma solo un arrivederci alla prossima maratona. Arrivederci a quando vorrò nuovamente volare in questa incantata e incantevole storia, che è parte della mia vita.



Valutazione:

"Non importa che Harry sia morto. La gente muore tutti i giorni, amici, familiari. Si... abbiamo perso Harry stanotte, ma lui è ancora con noi, qui dentro (si tocca il petto), e così Fred e Remus... Tonks... tutti loro... Non sono morti invano! Ma tu lo sarai perchè ti sbagli, il cuore di Harry batteva per noi, per tutti noi! Non è finita!"

1 commenti:

  1. Cinque stemmini se li meritano tutti. Entrambi. Anzi no... Tutti e otto i film *_* il coraggio di Neville e la sua evoluzione sono fantastici, hai ragione :3 e poi uccide un Horcroux mica roba da tutti i giorni :P eh si ^^ anch'io volevo vedere l'addio ai Dursley... Hai visto la scena tagliata? Q_Q perché l'hanno tolta!?! Una cosa che ho amato è lo sbocciare definitivo dell'amore tra Ron e Hermione *_*

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)