Follow Us @soratemplates

16/09/17

Ragazze Lupo

Titolo: Ragazze Lupo
Autore: Martin Miller
Editore: Fazi
Anno: 2008
Pagine: 667
Prezzo:19,50

Trama:
Kalix ha diciassette anni ed è una ragazza ribelle, una ragazza lupo. Ricchissima e nobile, ultima discendente della più antica dinastia di licantropi scozzesi, i MacRinnalch, ha trasgredito le regole della famiglia innamorandosi di Gawain, giovane lupo mannaro di umili origini, e adesso si nasconde, inseguita dai sicari, tra le strade di Londra. Vestita di stracci e magrissima ai limiti dell'anoressia, per tenersi su sorseggia del laudano da cui ormai è dipendente. Certa di aver tagliato per sempre i ponti con la sua famiglia, Kalix si troverà suo malgrado coinvolta nella lotta per la successione alla reggia dei MacRinnalch, circondata da una serie di personaggi stravaganti: sua sorella, una stilista di tendenza dotata di poteri magici, le cugine, dissolute musiciste della scena punk londinese, e due giovani umani, studenti universitari, che si prenderanno cura di lei, ammaliati fin dal primo istante da questa creatura straordinaria. Ambiziosi, romantici e ribelli, i giovani licantropi di Martin Millar si muovono con scaltrezza in una società contemporanea, ricca di conflitti, e proprio come i ragazzi di oggi dimostrano di aver capito il valore assoluto dell'amicizia e della solidarietà oltre ogni altra cosa.

Recensione:
Dopo diversi anni, ho deciso di rileggere questo romanzo, perché ne conservavo un bellissimo ricordo, e anche perché avevo voglia di parlarne qui sul blog.
Ragazze lupo, è una storia urban fantasy davvero ben scritta, con personaggi rilevanti e un'ambientazione, tra Londra e Scozia, assolutamente perfetta (specialmente per me, che adoro la Gran Bretagna.

Il libro di Miller, è un concentrato puro di azione, sentimenti, lotte, rivalità e debolezze. Sì, perché una delle cose che più ho apprezzato di questo libro è il fatto che, anche se la maggior parte dei personaggi che lo popolano hanno poco di “umano”, soffrono, sono colpiti da quelle paure e quelle insicurezze che fanno si da renderli più simili a noi comuni mortali.

La lupa protagonista, Kalix, è tutto fuorchè divertente ed ottimista. È infatti la più tormentata, e forse proprio per questo fa breccia nel cuore del lettore. È in continua lotta contro la sua depressione, perseguitata da pensieri e ricordi che la seguono come i mostri che le danno la caccia, è persa, alla ricerca di dolore, pur di riuscire a provare qualcosa, contro la sua apatia e la sua sofferenza. Eppure, nonostante vaghi per Londra, piccola e gracile e all’apparenza fragilissima, dentro di sé ha il coraggio e la forza di un vero lupo.

Oltre a lei, però, anche tutti gli altri personaggi sono ben caratterizzati: dai membri della sua famiglia, a quelli del clan, fino a coloro che conosce per caso, e che sono disposti ad aiutarla fin da subito. Non sono solo accennati, ma hanon ruoli di primo piano.
Così conosciamo Moonglow e Daniel, che loro malgrado, da semplici studenti universitari, si ritroveranno coinvolti nella vicende del clan, ma che pur essendo semplici “umani”, daranno prova di avere grande coraggio (e simpatia!)
E poi c’è Malveria, che di lupo non ha nulla, ma è uno spirito potentissimo, e assolutamente alla moda, di fatti proprio per la sua apparente superficialità, e smarrimento nel mondo umano, l’ho trovato un personaggio parecchio esilarante.
Insomma, buoni o cattivi, devo dire che ho apprezzato molto tutti i personaggi creati dall’autore.

Ma in questo libro, l’azione non manca, perché pagina dopo pagina, seguiamo le rivalità che serpeggiano nella famiglia di Kalix, la lotta al potere, le gelosie, i tradimenti, vediamo combattimenti e trappole, ma anche cose più “semplici” come amori ritrovati e amori non corrisposti, il desiderio fortissimo di vedere nuovi episodi di “Sabrina vita da strega”, e accessori di moda essenziali. Il bello del romanzo, è proprio il mix, riuscito, di tanti elementi, dai poteri sovrannaturali, alle sfilate di moda, dai concerti, ai cacciatori di licantropi, non ci sono solo personaggi invincibili, anzi, ma c’è spazio anche alla disperazione, alle ferite mortali e alle dipendenze.

Il tutto, è reso ancora più speciale dallo stile fluido, che scorre velocissimo, nonostante le tante pagine che compongono questo libro, che non sono un peso, anzi, fanno venire una voglia matta di leggere il seguito. Subito!


Valutazione:
♥♥♥♥♥

2 commenti:

  1. Mi ispirava molto, ma dopo aver letto mezzo capitolo non sono riuscita ad andare oltre, per questo l'ho abbandonato. La tua recensione mi fa ben sperare, quindi può darsi che prima o poi lo riprenda ^_^

    RispondiElimina
  2. Voglio leggere questo libro da quando l'ho visto in libreria la prima volta! E sono passati tanti anni ormai!

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)