English Books on my wishlist #24





Rubrica a cadenza casuale in cui vi mostro le mie nuove scoperte libresche in lingua inglese.


Titolo: Extraordinary Means
Autore: Robyn Schneider

Trama:
Latham House è uno strano posto per incontrarsi. Un tempo era un collegio tra i boschi, ma oggi è tutta un’altra cosa. Dove una volta si raccoglievano studenti da ogni angolo degli Stati Uniti, ora vivono sotto stretto controllo medico oltre un centinaio di giovani affetti da una forma particolarmente grave di tubercolosi. Qui, lontani dal resto del mondo, i ragazzi trascorrono i giorni in perenne attesa, nella speranza di guarire e tornare dalle loro famiglie, dai loro amici, alle loro vite. È una specie di vacanza forzata, ma Lane, il nuovo arrivato, proprio non vuole saperne: ha dei progetti per il futuro e la malattia è solo un ostacolo tra lui e lo studio. Ma quando si accorge che il suo fisico non gli permette di restare la notte piegato sui libri, capisce che ci sono cose più importanti. In mensa ha notato un eccentrico gruppo di amici: Marina, una nerd con il pallino del teatro; Charlie, uno scherzoso cantautore in erba; Nick, una miniera di battute taglienti; e infine Sadie, un’aspirante fotografa con la quale condivide un vecchio, imbarazzante ricordo. Lane vuole essere uno di loro. E, soprattutto, vuole ricucire il rapporto con Sadie, incrinatosi un’estate di qualche anno prima. Entrato nel gruppo, Lane scopre una nuova vita, impara a infrangere le regole, a disobbedire in nome dell’amicizia. E insieme a Sadie ci racconta la loro storia, quella di un ragazzo e di una ragazza che giorno dopo giorno si avvicinano, si scoprono e imparano ad amarsi nonostante la malattia. Perché quando il dolore ti spinge all’estremo, l’amore è l’unico rimedio.



Titolo: House of ivy e sorrow
Autore: Natalie Whipple

Trama:

Josephine Hemlock ha trascorso gli ultimi dieci anni nascondendosi dalla Maledizione che ha ucciso sua madr.  Ma quando un uomo misterioso arriva alla sua magione magica e ricoperta di edera, è chiaro che l'assassiono di sua madre è finalmente giunto per distruggere il resto della linea di sangue degli Hemlock. Prima che Jo possa anche solo pensare all'idea di combatterlo, deve comprendere chi sta combattendo. Più Jo scopre su di lui, più si immerge nella magia più oscura che abbia mai visto. Intrappolata e con poco tempo a sua disposizione, inizia a chiedersi se la Maledizione che ha ucciso sua madre sia l'unica via d'uscita per salvare tutti coloro che ama.  

Titolo: The Scorpion Rules
Autore: Erin Bow

Trama:
“Un mondo martoriato dai cambiamenti climatici e dalla guerra si rivolge a un antico metodo per mantenere la pace: lo scambio di ostaggi. I Figli della Pace - figli e figlie di re e presidenti e generali - sono allevati insieme in piccole scuole isolate chiamate Preceptures. Lì, imparano la storia e la teoria politica, e si insegna loro ad accettare con grazia quello che potrebbe essere il loro destino: morire se i loro paesi dichiarano guerra.
Greta Gustafsen Stuart, duchessa di Halifax e Principessa della Corona della Confederazione Pan-polare, è l'orgoglio della Prefettura Nord Americana. Colta e disciplinata, Greta è orgogliosa del suo ruolo nel mantenimento della pace globale, anche se, con il suo paese che controlla due terzi della risorsa più degna del mondo 
per causare una guerra - l'acqua - ha poche possibilità di raggiungere l'età adulta viva.
Inserisci Elián Palnik, ultimo ostaggio della Prefettura e il suo più grande problema. Il mondo di Greta comincia a inclinarsi il momento in cui vede Elián trascinato nella scuola in catene. La sorveglianza insidiosa della Prefettura, le sue piccole punizioni e ricompense, non possono intaccare Elián, che non è interessato a dignità e tradizione, e non ha nemmeno accettato il diritto delle Nazioni Unite di custodire ostaggi.
Che ne sarà di Elián e Greta dato che le loro due nazioni sono sempre più vicine alla guerra?”




1 commenti:

  1. La copertina che mi affascina di più, e anche la trama che mi ha incuriosita maggiormente, è la prima *o*

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)