Outlander (recensione libro e serie tv)

Titolo: Outlander - La Straniera
Autore: Diana Gabaldon
Editore: Corbaccio
Collana: Romance
Serie: Outlook #1
Anno: 2015
Pagine: 838
Prezzo:16,60 €

Trama:
L'anno è il 1945. Claire Randall, un'infermiera militare, si riunisce al marito alla fine della guerra in una sorta di seconda luna di miele nelle Highlands scozzesi. Durante una passeggiata, la giovane donna attraversa uno dei cerchi di pietre antiche che si trovano da quelle parti. All'improvviso si trova proiettata indietro nel tempo, di colpo straniera in una Scozia dilaniata dalla guerra e dai conflitti tra i clan... nell'anno del Signore 1743. Catapultata nel passato da forze che non capisce, Claire viene coinvolta in intrighi e pericoli che mettono a rischio la sua stessa vita e il suo cuore. L'incontro con il giovane e affascinante cavaliere scozzese James Fraser la costringe a una scelta radicale tra due uomini e due vite, in epoche così diverse tra loro.
Titolo: Outlander
Anno: 2014 - in produzione
Stagioni: 1 - in corso
Paese: Stati Uniti
Ideatore: Ronald D. Moore
Soggetto: Diana Gabaldon
Cast: Caitriona Balfe, Sam Heughan Tobias Menzies, Gary Lewis



Recensione:
Ho iniziato il telefilm, perché durante la messa in onda americana, ne ho sentito parlare molto bene, e visto che Sky l'aveva proposto, ho iniziato a guardarlo. A circa metà stagione, ho deciso di iniziare a leggere il libro,  che avevo già in ebook, e di leggerlo di pari passo con le puntate, farò quindi una recensione unica delle due cose.
Fino ad ora, mi sono sempre ritrovata a pensare che, le serie TV,  tratte dai libri,  al contrario dei film, superino di gran lunga la storia scritta su carta. Probabilmente perché, mentre nei film il tutto è condensato in due ore, nei telefilm c'è tutto il tempo per sviluppare bene i personaggi e le tematiche trattate, senza drastici tagli di scene. Se spesso però, viene comunque stravolta gran parte della trama, con Outlander  mi sono stupita di quanto gli sceneggiatori siano stati fedeli al libro.
Personaggi, scene, frasi e ambienti, ricalcano fedelmente ciò che troviamo nel libro della Gabaldon, anzi, in alcuni casi, il telefilm è riuscito a dare maggiore importanza in certi passaggi che nel libro sono trattati velocemente. O viceversa, non si soffermano più di tanto su scene che, nel libro sono descritte meglio, ma non di importanza colossale. I personaggi, sono più simpatici nel telefilm, Jamie, nel libro, è visto un po' come un bifolco,  mentre il fascino dell'attore Sam Heughan, dà al personaggio, tutta un'altra importanza. Anche Claire, la mitica protagonista,  nel libro è a tratti fredda e distaccata, nel telefilm, l'attrice Caitriona Balfe  (ma che nome ha?!), con la sua ottima interpretazione,  riesce a dare alla sua Claire una delicatezza, una dolcezza, ma anche una feroce determinazione, che forse nel libro non si avverte particolarmente.
Il telefilm è più d'impatto e coinvolgente, anche se ho trovato la prima puntata piuttosto lenta.  Sicuramente dovuto dal fatto che, sapendo già cosa sarebbe successo, (perché avevo precedentemente letto la trama), non vedevo l'ora che arrivasse il fatidico momento del "viaggio" di Claire, che invece sembrava non arrivare mai.
La prima stagione ha avuto molto successo, non c'è che dire resta solo da sperare che resista,  per raccontare il resto della storia.  Per ora, sono stati pubblicati otto libri della serie, di cui "La straniera", è il primo volume.

Da amante della Gran Bretagna, non posso non citare il paesaggio che fa da sfondo alla storia. Se già di mio, sogno di visitare ogni più piccolo angolo del Regno Unito, e quindi la Scozia era già nei miei piani, non nascondo che Outlander ha "accelerato" la mia voglia di visitarla. Mi dà l'idea di essere una terra che mischia storia e sentimento, tradizioni e culture antiche, verdeggiante e rigogliosa Scozia.  Ci devo andare. Punto.
Insomma, unna storia,  quella di Outlander, che appassiona in tutto e per tutto,  il telefilm,  forse un pochino più del libro, ma tutto sommato sono soddisfatta di entrambi.
La sigla del telefilm mi piace particolarmente, mentre invece,  vi devo avvisare, c'è qualche scena particolarmente forte, con protagonista soprattutto Jamie che, poveretto,  subisce ogni sorta di tortura!

Valutazione libro: ♥♥♥
 Valutazione telefilm: ♥♥♥/ e mezzo

Vi lascio la sigla, perchè mi piace un sacco!

3 commenti:

  1. Ciao! Direi che la penso esattamente come te: raramente una serie tv/film riesce a rendere (decisamente) meglio personaggi ed atmosfere rispetto al libro da cui è tratto. Scrissi una recensione su Outlander anche io mesi fa, ma sono stata piuttosto cattivella rispetto a te. Solo io trovo la Claire del libro insopportabile? Poi non so te, ma io avrei preferito una storia d'amore meno prevedibile, magari con un personaggio meno scontato. Lette le prime tre righe del capitolo in cui ci viene presetato Jamie avevo capito già tutto. Ah, e detesto come viene trattato Frank nel libro! Almeno il telefilm ci fa conoscere la sua tristezza e disperazione. Un saluto!! :)

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione! Ma sto notando che in generale, i telefilm tratti dai libri, sono quasi sempre migliori. Al contrario dei film invece, che non superano mai la veronese scritta.
    A presto :)

    RispondiElimina
  3. Ho visto tutta la prima stagione di Outlander e ahimè questo mi frena nel leggere anche i libri,non perché non mi sia piaciuto, anzi, ma mi succede sempre se vedo prima il film,però le mie amiche esaltano tantissimo questi libri che a volte sono tentata.

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)