Il diario di London Lane


Titolo: Il diario di London Lane
Autore: Cat Patrick
Editore: Fazi
Collana: Lain
Anno: 2012
Pagine: 295
Prezzo: 9,90


TRAMA:
London Lane ha sedici anni e ogni volta che si addormenta sa che al risveglio, l'indomani mattina, il suo mondo sarà svanito. Perché esattamente alle 4,33 di ogni notte la sua memoria cancella le tracce del passato e tutto ciò che la ragazza può ricordare sono cangianti immagini del suo futuro. London riesce tuttavia ad avere una vita quasi normale con l'aiuto della madre, della sua migliore amica Jamie e soprattutto grazie al suo diario, i foglietti dove appunta tutto ciò che accade durante le sue giornate. Ma basta poco, come scoprire che il cellulare dove si è segnata cosa la aspetti a scuola è scarico, per far precipitare London in un mondo imprevedibile. E proprio durante una inattesa esercitazione antincendio del suo liceo conosce Luke Henry, un ragazzo gentile che lei non vuole proprio dimenticare, per nessun motivo. Tutto però assume una piega inquietante, quando London comincia a essere tormentata da incubi che sembrano provenire da un passato sconosciuto ma familiare, e ad avere strane visioni del suo futuro, un futuro in cui Luke non c'è. Due personaggi affini che per non perdersi dovranno ritrovare le remote tracce di una memoria interrotta da eventi misteriosi



RECENSIONE:
 Primo romanzo, autoconclusivo, dell'autrice Cat Patrick, in corso di pubblicazione in più di dieci paesi.


“L'idea che sta dietro questo romanzo è pura genialità” The Guardian.

Concordo assolutamente.
Sono stata spinta a leggere questo romanzo, dall'estrema curiosità che mi aveva suscitato la trama. L'idea di questo diario è molto originale. La protagonista London è una sedicenne che ogni notte, precisamente alle 4.33 dimentica il suo passato, ricordando invece quale sarà il futuro.
Ogni giorno deve ricominciare da capo, leggere gli appunti del suo diario, aggiornarsi su ciò che ha fatto il giorno prima e cercare di sopravvivere alla scuola, perchè nessuno sa il suo segreto a parte la madre a la migliore amica Jamie.
Oltretutto, conoscere il futuro non si rivela essere sempre piacevole, anzi, almeno fino a quando scoprirà di poterlo anche cambiare.

Inizialmente mi sono davvero appassionata a questo romanzo, la scrittura è molto scorrevole e sono arrivata a metà libro senza nemmeno accorgermene, curiosa di vedere come se la caverà London, soprattutto con l'arrivo di un nuovo meraviglioso ragazzo, Luke.
Il problema è che riflettendoci bene, com'è possibile che a London bastino dei semplici appunti da leggere ogni mattina presto (fase della giornata abbastanza drastica), per cavarsela? Come ricorda i nomi dei compagni di classe, le lezioni che deve frequentare ecc. A me ci vorrebbe come minimo un'enciclopedia!

Il romanzo oltre tutto, verso la fine, inizia poi a prendere una rotta completamente diversa, che mi ha un po' spiazzato. La vita di London viene complicata ulteriormente quando viene a sapere che non è un caso se la perdita di memoria avviene ogni notte alla stessa ora, che non è stata sempre così, ma ha iniziato ad accusare questi problemi in seguito ad un forte trauma che la madre le ha tenuto nascosto. Insomma, questo “trauma” è un fatto avvenuto quando London era piccola, ma un fatto davvero molto importante che con la storia fino a quel momento abbastanza leggera, mi ha un po' spaesato. In confronto a quello che London viene a sapere, i problemi della sua amica Jamie o le bugie di Lake risultano essere fatti molto superficiali. Forse questo particolare della storia andava svelato un po' prima in modo da poterlo approfondire ed essere più chiaro.

Senza contare che gli iniziali scambi di sguardi tra Luke e London, o i loro incontri casuali a scuola, creavano una certa curiosità, dunque è stato un po' troppo prematuro far buttare London tra le braccia di Luke fin da subito. Un po' di attesa in più non avrebbe fatto male...

Il romanzo nel complesso mi è piaciuto, forse mi aspettavo qualcosa di più, ma come lettura leggera per perdervi qualche ora nella mente della protagonista, ci sta!

VALUTAZIONE:


0 commenti:

Posta un commento

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)