Il Trono di spade | Il Grande Inverno

Titolo: Il trono di spade: Il trono di spade e Il Grande inverno
Autore: George R. R. Martin
Editore: Mondadori
Collana: Oscar Absolute
Serie: Le Cronache del ghiaccio e del fuoco #1 e #2
Anno: 2016
Pagine: 840
Prezzo: 16,50

Trama:
In una terra fuori dal mondo, dove le estati e gli inverni possono durare intere generazioni, sta per esplodere un immane conflitto. Sul Trono di Spade, nel Sud caldo e opulento, siede Robert Baratheon. L'ha conquistato dopo una guerra sanguinosa, togliendolo all'ultimo, folle re della dinastia Targaryen, i signori dei draghi. Ma il suo potere è ora minacciato: all'estremo Nord, la Barriera - una muraglia eretta per difendere il regno da animali primordiali e, soprattutto, dagli Estranei - sembra vacillare. Si dice che gli Estranei siano scomparsi da secoli. Ma se è vero, chi sono allora quegli esseri con gli occhi così innaturalmente azzurri e gelidi, nascosti tra le ombre delle foreste, che rubano la vita, o il senno, a chi ha la mala sorte di incontrarli? La fine della lunga estate è vicina, l'inverno sta arrivando e non durerà poco: solo un nuovo prodigio potrà squarciare le tenebre. Intrighi e rivalità, guerre e omicidi, amori e tradimenti, presagi e magie si intrecciano nel primo volume della saga de "Le cronache del ghiaccio e del fuoco". Questa edizione presenta in un volume unico "Il trono di spade" e "Il Grande inverno".

Recensione:
Iniziato per caso, come lo stesso telefilm, sto ancora cercando di capire da quanti volumi sia composta la serie, perchè ne esistono tantissime edizioni, e a quanto pare qui in Italia, un libro è diviso in due parti. Quello che ho letto io, però, trovato fortunatamente in biblioteca, racchiude i primi due: Il trono di spade e Il grande inverno.
Ero un po' insicura sull'iniziare a leggere questa serie, forse pensando che non mi sarebbe piaciuta nella versione scritta, perchè magari troppo complessa, pesante, con uno stile non nelle mie corde, visto che non è un genere che leggo spesso ultimamente. E si, un po' anche per la mole del libro in questione, e in generale della serie, abbastanza lunga!
Al contrario delle mie aspettative invece, mi è piaciuto tantissimo, e soprattutto, è un libro all'altezza della serie tv e viceversa. Perchè spesso e volentieri, i libri da cui sono tratte serie tv -o almeno quelle che ho letto io fino ad ora- sono sempre un passo indietro rispetto al telefilm (vedi Pretty Little Liars, The Vampire Diaries, The 100, The Secret Circle...).
Siccome la scorsa estate ho fatto una maratona della serie tv, divorando tutte e sei le stagioni in un mese e mezzo, i ricordi delle puntate erano abbastanza freschi, e leggendo il libro, mi sono accorta di quanto il telefilm andasse di pari passo con il romanzo, rispettando davvero moltissimo la storia (almeno la parte letta fino ad ora), di Martin.
Non vado a parlarvi della trama, perchè se seguite la serie, la conoscete già, e se non la conoscete, è così complessa da riassumere in un paio di righe, che non saprei da dove cominciare!       

Certo, senza aver visto la serie tv, con tutti i personaggi, i luoghi, nomi delle casate, paretele varie eccetera eccetera, riuscire a inquadrare chi è chi, chi fa cosa, sarebbe stato davvero complicatissimo, sarebbe utile prendere appunti durante la lettura! xD E' un romanzo davvero pienissimo di dettagli, sia per quanto riguarda le descrizioni, perchè Martin utilizza uno stile molto descrittivo, ricco, ma non prolisso, che non risulta pesante. Sia, per, appunto, la quantità dei personaggi, da quelli principali alle comparse, i vari legami, le parentele...insomma, c'è da studiare un po'! Leggendo tutti i dettagli minuziosi, i collegamenti, il vastissimo mondo creato da Martin, ci si rende pienamente conto del lavoro complesso e studiato nei particolari, fatto dall'autore per realizzare una serie di tale portata, ovvero epica!
I personaggi principali, sono tutti di spessore, così come li vediamo nella serie tv, le voci narranti sono tante, a partire dagli Stark, abbiamo capitoli di: Jon, Eddard, Bran, Sansa, Arya Catelyn e Robb. Poi, ci sono anche capitoli di Daeneryes e Tyrion. Il punto di vista di Tyrion, l'ho apprezzato moltissimo, perchè è un personaggio che mi piace tanto, mentre Danaryes, un po' come è successo nella serie tv, non mi ha fatto impazzire.
So che il suo, è un personaggio amatissimo, ma non so perchè, personalmente non è ancora riuscita a conquistarmi pienamente, e non riesco a capirne il motivo, perchè in realtà è un personaggio femminile molto forte, parte da zero e diventa qualcuno, capace di farsi rispettare da tutti....non so, non riesco ad entrare in sintonia con lei!
In ogni caso, avere più punti di vista è stato necessario, per darci una visione più completa possibile della storia, visto che si svolge in tantissimi luoghi, con tantissime vicende contemporaneamente.
Alla fine del libro, c'è un ricco approfondimento su tutte le casate, origini, motto, nomi e descrizione dei personaggi, stemmi eccetera.

La cosa che mi ha fatto storcere il naso, però, è la giovanissima età dei personaggi. Non so, nè ricordo, con precisione quanti anni abbiano gli Stark e gli altri personaggi più giovani, all'inizio
della prima stagione del telefilm, ma che una bambina di 10-11 anni abbia come unico sogno sposarsi e fare figli...va beh!
Avrei forse mostrato maggiormente la parte fanciullesca dei personaggi più piccoli, seppure è vero che debbano stare a regole ferreee, rispettare determinati comportamenti e così via, sono pur sempre bambini! Addirittura al piccolo di Casa Stark, che ha solo 3-4 anni, qualcuno vorrebbe già iniziare a parlare di guerra, voglio dire, va bene che è uno Stark, deve crescere in fretta e prendersi le sue responsabilità, ma un pochino di più di affetto nei confronti dei più piccoli, non sarebbe stato male, visto che già devono subire di tutto e di più! So che forse è un ragionamento stupido, perchè la serie è molto forte, cruda, violenta, e anche crudele, proprio perchè nessuno è al sicuro, nessuno ha un attimo di pace, tutti devono essere pronti a difendersi, ad entrare in guerra da un momento all'altro e così via, però non so, forse mi sono abituata meglio al telefilm, in cui loro hanno qualche anno in più, ecco.

Detto questo, non posso invece non menzionare il personaggio di Arya, che ho adorato, così come adoro nel telefilm, proprio per la sua cocciutaggine, il suo coraggio, la sua ribellione da regole a cui non vuole minimamente sottostare, come persona, e soprattutto come femmina.
Ci vorrebbero più Arya Stark nei libri, ma anche nella vita di tutti i giorni! xD


Valutazione:
♥♥♥♥/ e mezzo

2 commenti:

  1. Sono felice che ti sia piaciuto ♥
    Danaryes nella prima stagione (e nel primo volume) non mi era dispiaciuta, ma andando avanti con gli episodi l'ho detestata XD infatti spero proprio che alla fine non sieda lei sul trono, che palle XD
    Comunque io credo che l'età tutto sommato sia ragionevole in questo contesto! Tieni in considerazione che a 12,13 anni più o meno devono sposarsi, quindi probabilmente è normale che a 10 anni inizino a pensare al matrimonio XD e di sicuro l'educazione ricevuta influisce tanto :)
    Oh, Arya e Tyrion sono anche due dei miei personaggi preferiti :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, hai perfettamente ragione anche tu, però sai, a leggerlo, mi suonava strano, anche perchè nella serie tv hanno qualche anno in più credo, quindi tutto sommato è più ragionevole che siano già indirizzati al matrimonio xD
      Arya è proprio fortissima! :)

      Elimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)